Firenze: cosa vedere gratis in città COMMENTA  

Firenze: cosa vedere gratis in città COMMENTA  

Firenze: cosa vedere gratis in città
Firenze: cosa vedere gratis in città

Firenze: una città italiana piena di fascino e molto amata dai turisti, che vengono in visita ogni anno spinti dalla curiosità di conoscere le bellezze locali.

Ecco cosa si può visitare gratis in loco:

  • La cattedrale di Santa Maria del Fiore: è anche conosciuta come Duomo di Firenze, progettata da Arnolfo di Cambio nel lontano 1296.

    Rappresenta un must per chi si trova in visita. SI può anche notare il campanile di Giotto al suo fianco, alto 82 metri. Si può visitare la cattedrale indicativamente dalle 10 del mattino alle 17 del pomeriggio, ma dipende dal periodo e dalle festività.

    Si accede dalla porta destra della facciata e si entra sempre gratuitamente.

  • Il giardino delle Rose: l’angolo più romantico di Firenze, con i suoi giardini e gli splendidi fiori.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Localizzato vicino a San Niccolò, tra Forte Belvedere e piazzale Michelangelo, questo giardino è aperto al pubblico dall’anno 1895. C’è un giardino giapponese che è possibile visitare al suo interno, che è stato realizzato da Yasuo Kitayama, noto architetto giapponese. Il giardino è aperto solo 3 mesi l’anno dalle 8 del mattino alle 20 di sera.
  • Ponte Vecchio: il simbolo della città è molto amato dai locali e dai turisti, soprattutto per le sue botteghe e il corridoio Vasariano.
  • Mercato Centrale: un mercato importantissimo per la città, che è localizzato nel centro storico di Firenze ed è una meta obbligata che attira molti turisti curiosi, coloro che durante i loro viaggi vogliono conoscere la storia del paese ma anche le tradizioni e i prodotti locali del territorio. È possibile vedere fiorentini e turisti dalle dalle dieci del mattino fino a mezzanotte, quando è aperto il mercato, che si estende per 3000 mq di superficie al coperto, ha 500 posti a sedere, 12 botteghe e possibilità di mangiare presso ristoranti, birrerie e caffetteria. Per i curiosi c’è anche una scuola di cucina, un’ enoscuola, una libreria e altro, il tutto in una location ibrida che unisce moderno e antico.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*