Messico: scoperto tunnel segreto nel sito di Teotihuacan

Viaggi

Messico: scoperto tunnel segreto nel sito di Teotihuacan

Sito archeologico
Sito archeologico di Teotihuacan

In Messico un gruppo di archeologi ha scoperto un tunnel sotto la Piramide della Luna nel sito archeologico di Teotihuacan, che prende il nome da un misterioso popolo precolombiano.

La scoperta

Sotto c'è un tunnel

Nella Valle del Messico, a 10 metri di profondità sotto uno dei maggiori siti archeologici del Centro America, quello della città città di Teotihuacan – termine azteco che significa “il luogo dove vengono creati gli dei” oppure, secondo alcuni, “il luogo di nascita degli dei” o ancora “il luogo di coloro che hanno la via degli dei” -, un gruppo di archeologi dell’Istituto messicano di Antropologia e Storia – sigla in spagnolo Inah – ha scoperto un tunnel segreto. Si trova in particolare sotto il celebre tempio alto 42-43 metri detto Piramide della Luna (200 d.c), a circa 40 chilometri da Città del Messico, e collega la piramide stessa alla Calzada de los Muertos, la “strada dei morti”. Sarebbe, secondo l’espressione usata dagli studiosi, la “riproduzione di un mondo sotterraneo”, il mondo degli Inferi, a cui avrebbe creduto il popolo che precedette gli Aztechi, scomparso misteriosamente e tutt’oggi semisconosciuto. Un popolo precolombiano esistito tra il I e l’VIII secolo a.C., che secondo l’archeologa Véronica Ortega “molto probabilmente” usava il tunnel “per riti sacri e cerimonie”, riproducendo appunto “il mondo sotterraneo” in questo suo tempio e negli altri scoperti nei secoli.

Il ritrovamento è avvenuto attraverso una tecnica particolare che si usa anche in radiologia su organi o apparati, chiamata tomografia computerizzata – dal greco témnó, “tagliare”, o tómos, “strato”, e gráphó, “scrivere” -, che consente di esaminare a strati l’oggetto di studio, ovviamente in questo caso con l’utilizzo del computer.

Scoperta

Le scoperte precedenti

Precedente scoperta

Negli Anni Settanta era già venuto alla luce un tunnel sotto la Piramide del Sole – Piràmide del Sol -, ma aveva subito dei saccheggi; più fortunati furono gli archeologi che esplorarono la cosiddetta Piramide del Serpente Piumato (Chichén Itzà), in cui furono rinvenuti contenitori per sementi, ceramiche, ossa umane e di animali, gioielli e oggetti realizzati ossidiana e conchiglie offerti agli dei.

Monumento

Invece nella zona della Piramide della Luna sono state individuate alcune sepolture, ma le ricerche continuano. C’è chi ipotizza che il tunnel avesse a che vedere con l’acqua e con il suo legame con il sacro, tuttavia appunto c’è ancora molto da scoprire su questo luogo e sull’antico popolo di Teotihuacan.

Il sito si può anche sorvolare in mongolfiera per avere una panoramica completa, o in bicicletta, che verrà noleggiata dagli organizzatori del tour, sempre che i visitatori siano disposti a pedalare per almeno tre ore. D’altra parte questo sito è veramente affascinante: merita di essere vistato almeno una volta nella vita.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche