Inaugurazione museo ville pontificie Castel Gandolfo: orari 21 ottobre 2016

Guide

Inaugurazione museo ville pontificie Castel Gandolfo: orari 21 ottobre 2016

Inaugurazione museo ville pontificie Castel Gandolfo: orari 21 ottobre 2016
Inaugurazione museo ville pontificie Castel Gandolfo: orari 21 ottobre 2016

Dal 21 ottobre, le stanze pontificie di Castel Gandolfo diventano un museo, grazie anche alla generosità di Papa Francesco. Ecco tutti i dettagli

La residenza estiva di Papa Francesco, le famose ville pontificie di Castel Gandolfo, diventa un museo. Lo ha deciso lo stesso Papa Francesco che da tre anni e mezzo ha rinunciato ad andare nella sua residenza estiva, optando per scelte più modeste, come passare l’estate a Santa Marta. Lo comunica attraverso un documento ufficiale il Vaticano facendo sapere che venerdì 21 eccezionalmente potranno essere meta di turisti le sale pontificie. Ci sarà un apposito servizio navetta che potrà essere preso all’altezza del piazzale del Petriano alle 8.30. L’inaugurazione del museo avverrà quindi venerdì 21 ottobre e per l’occasione ci sarà lo spettacolo, dal titolo “La bellezza ci unisce”, di un coro di musica popolare cinese. L’appartamento privato del Papa, che dal Seicento (tranne per un periodo di abbandono e decadenza dal 1870 agli anni Venti) era sempre disponibile per il pontefice, verrà inserito nel resto della struttura, che già da circa un anno può fregiarsi delle visite di fedeli e turisti.

All’inaugurazione del Palazzo Pontificio interverranno diverse importanti personalità, come il direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci; il direttore delle Vile Pontificie, Osvaldo Gianoli e Sandro Barbagallo, che ha il ruolo di curatore delle mostre dei musei vaticani.

Adorata da papa Giovanni XXIII e da papa Ratzinger, la residenza estiva di Castel Gandolfo non è mai stata utilizzata da Bergoglio che ora ha quindi deciso di adibirla a museo aperto al pubblico.

Ci saranno altri luoghi simbolo visitabili dopo il 21 ottobre, come la cappella privata, nella quale tutti i Papi precedenti si sono ritirati in preghiera; la biblioteca e lo studio; il Salone degli Svizzeri, un tempo destinato alla guardia papale (da qui il nome); infine la Sala del Concistoro, utilizzata per le riunioni dei cardinali con il Papa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Modestino Picariello 727 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+