Orzaiolo e calazio occhio: cause, sintomi, rimedi

Donna

Orzaiolo e calazio occhio: cause, sintomi, rimedi

orzaiolo

Orzaiolo all’occhio cause e sintomi. Come fare a curarlo. E’ contagioso? I vari rimedi come agire anche in caso di orzaiolo su bambini.

L’orzaiolo è un nodulo piccolo e doloroso sull’interno o sull’esterno della palpebra. L’occhio solitamente soffre di lacrimazione e insieme alla palpebra può arrossarsi. Solitamente l’orzaiolo colpisce un solo occhio. Anche se può succedere che ci siano orzaiolo multipli dati dallo stesso batterio.

Esistono due tipi di orzaiolo esterno e interno all’occhio.

Le cause di un orzaiolo sono in genere un’infezione di batteri stafilococchi. Questi batteri spesso vivono sulla pelle senza causare alcun danno. A volte l’orzaiolo è una complicanza di una blefarite. La blefarite è un’infiammazione delle rime delle palpebre (diventano rosse e gonfie).

I sintomi dell’orzaiolo sono dati da un nodulo rosso che si crea sulla palpebra, simile a un foruncolo o a una bollicina. Inoltre si può inizia a sentire dolore alla palpebra e questa può iniziarsi a gonfiare.

L’orzaiolo spesso migliora spontaneamente, specie quando riesce ad aprirsi e far fuori uscire il pus.

Non bisogna mai cercare di aprire l’orzaiolo da soli. Di solito l’orzaiolo migliora e scompare nel giro di 1-3 settimane.

I sintomi possono essere alleviati con impacchi di acqua calda, analgesici, oppure se molto doloroso conviene rivolgersi a un medico.

Per i bambini si consiglia molto impacchi di acqua calda per essere meno invasivi se non migliora rivolgetevi a un medico pediatra che potrà valutare meglio la situazione.

Differenza orzaiolo e calazio.

Il calazio è una cisti meibomiana. Un orzaiolo interno di lunga durata può evolversi in un calazio. Questi si possono formare per l’ostruzione di una delle ghiandole palpebrali. Di solio queste cisti non sono molto dolorose a meno che non si infettino, in questo caso è meglio assumere antibiotici e fare visita a un medico. Se la cisti non scompare può essere rimossa con un intervento semplice, in anestesia locale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...