Ospedale Careggi sotto accusa per avere causato asfissia perinatale ad una gemellina

Cronaca

Ospedale Careggi sotto accusa per avere causato asfissia perinatale ad una gemellina

Reparto neonatale ospedale Careggi

I medici dell’Ospedale Careggi di Firenze coinvolti in un caso di malasanità per asfissia perinatale. Gravi le accuse del medico legale della coppia di genitori

E’ grave l’accusa mossa ai medici dell’Ospedale di Careggi di Firenze, da parte di una coppia di genitori la cui piccola neonata avrebbe riportato gravi conseguenze in seguito ad una asfissia perinatale causata dall’imperizia del personale medico. La piccola nascitura vive adesso in stato vegetativo permanente a causa dei gravi danni encefalici causati dall’asfissia. Secondo l’accusa avanzata dagli avvocati della coppia di genitori, il danno sarebbe stato evitato se i medici non avessero atteso troppo per dare corso al parto.

Il gravissimo caso di malasanità sarebbe avvenuto nello scorso 5 gennaio, quando la madre 40enne della piccola neonata è stata ricoverata per effettuare il parto gemellare già programmato da tempo. La gestazione, secondo quanto esposto nella denuncia del medico legale Francesco Nobili, non avrebbe presentato anomalie. I problemi sarebbero sorti dopo la nascita del primo gemello, un maschio, nato alle ore 18,33.

Secondo l’accusa mossa dal legale, i medici avrebbero atteso troppo tempo per fare nascere la sorellina (nata solo alle ore 19,22). Il ritardo di 47 minuti sarebbe stato determinante per generare l’asfissia perinatale che avrebbe gravemente compromesso la salute della piccola gemellina. Nella relazione presentata da Nobili contro i medici dell’Ospedale Careggi, il parto della neonata, secondo il protocollo, si sarebbe dovuto effettuare in tempi celeri tenuto conto che la piccola si ‘era spostata in una posizione tale’ da rendere impossibile la nascita con parto naturale.

‘Le linee guida – ha precisato il legale dei genitori della piccola – dicono che per il cesareo il tempo massimo di attesa è 30 minuti in assenza di condizioni di criticità’.
Al momento la piccola bambina è ricoverata presso l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze, dove i medici le hanno diagnosticato ‘gravissimi danni encefalici dovuti ad asfissia prenatale’. Gli avvocati hanno presentato una richiesta di risarcimento danni contro l’Ospedale Careggi quantificata in diversi milioni di euro, stando le gravi sofferenze morali patite dai genitori e le cure delle quali necessiterà la piccola neonata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...