Come pagare le tasse dell’affitto airbnb

Guide

Come pagare le tasse dell’affitto airbnb

Articolo sponsorizzato da:
Guest Hero è la società leader nella gestione degli appartamenti in affitto breve. Ci occupiamo di tutto, dal check in ad ampliare la visibilità del tuo appartamento online! Siamo degli eroi per i tuoi ospiti. Conosciamoci: www.guesthero.com

In questa guida vi darò ulteriori informazioni circa il servizio di Airbnb riguardanti , di preciso, le tasse dell’affitto. Dovete sapere che gli host soggetti al pagamento di tasse possono incorporare il loro importo nel prezzo giornaliero del loro annuncio, includerlo in un’offerta speciale o chiedere ai propri ospiti di pagare in persona. In ogni caso è fondamentale che tutti gli ospiti siano informati dell’importo prima della prenotazione. Nel caso in cui il vostro paese faccia parte dell’Unione Europea, potreste essere obbligati a pagare un’imposta sul valore aggiuntivo del servizio che fornite. In tale evenienza è consigliabile contattare il vostro commercialista per avere ulteriori informazioni.

Informazioni sulle imposte di reddito negli USA

In quanto host potreste essere soggetti al pagamento di tasse sui guadagni lordi ottenuti negli USA. In tal caso ecco la situazione:

I cittadini americani possono completare un modulo W-9. A fine Gennaio Airbnb fornirà agli host che avranno guadagnato più di 20000 dollari con 200 prenotazioni, un modulo 1099-K che mostra i guadagni dell’anno precedente.

I cittadini non americani che hanno un codice fiscale, possono completare un modulo W-8ECI.

Ad essi Airbnb fornirà il modulo 1042-S che mostrerà gli importi guadagnati negli USA.

I cittadini non americani che non hanno un numero di identificazione fiscale possono completare un modulo, il W-8BEN, per certificare il fatto che sono stranieri. A meno che non siano stati richiesti benefici fiscali, ricordate che Airbnb è costretto a trattenere il 30×100 da tutti i compensi ottenuti negli USA da host non americani.

Informazioni sulle imposte di reddito in Italia

Se il tuo Paese di residenza fa parte dell’Unione Europea, potresti dover essere obbligato a pagare una imposta sul valore aggiunto (IVA) per il servizio che fornisci. Ti invitiamo a contattare un commercialista della tua zona per ulteriori informazioni o se avessi bisogno di assistenza nello stabilire l’ammontare dell’IVA sui servizi che fornisci.

Per massimizzare i profitti derivanti dalla locazione dell’appartamento inoltre esiste Guesthero, il nuovo servizio innovativo per la gestione degli affitti brevi su Airbnb. Si basa su una commissione sull’affitto del proprietario dell’immobile, il quale potrà demandarne integralmente la gestione in tutti i suoi aspetti ai professionisti di Guesthero, start up innovativa con base a Milano ma che già programma di espandersi in altre città italiane. Tramite tale servizio l’host potrà migliorare il suo ranking e incrementare le proprie possibilità di guadagno giornaliero, senza occuparsi personalmente di qualsiasi aspetto inerente all’affitto breve, dall’accoglienza dell’ospite fino alle pulizie di fine soggiorno

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...