Pasqua in costiera amalfitana

Viaggi

Pasqua in costiera amalfitana

Pasqua in costiera amalfitana
Pasqua in costiera amalfitana

Vuoi trascorrere la Pasqua in Costiera Amalfitana? Ecco qualche informazione su ciò che troverai in loco e cosa fare:

  • passare la settimana Santa ad Amalfi è meraviglioso: svegliarsi e ritrovarsi avvolti nella natura, coccolati da un clima mite e non una folla di persone come può esserci in estate. Lasciarsi stuzzicare dalla gastronomia locale preparata ad hoc per la settimana di festa e forse la più importante per la cristianità.
  • Il programma religioso è pieno: l’evento principale è quello della via Crucis, che inizia dalla vicina Atrani, dove gli incappucciati, illuminati dalle sole fiaccole, accompagneranno il Cristo morto al sepolcro.
  • Ci sono tante feste e celebrazioni religiose dissipate per tutta la costiera amalfitana.
  • A Minori per esempio c’è la tradizione dei tappeti di segatura, delle opere d’arte create sul pavimento della Basilica di Santa Trofimena.
  • Un’altra tradizione molto sentita lungo la costiera è quella dei battenti, ossia uomini che indossano delle lunghe tuniche bianche che un tempo e in alcuni casi anche oggi, si percuotevano a simboleggiare la penitenza.

    Di solito accompagnano la via Crucis e il Cristo morto, ma è bene sapere che in ogni luogo c’è una tradizione ad hoc particolare.

  • Poi c’è la schiodazione, il rito del venerdì santo celebrato a Positano, in cui Cristo morto viene rimosso dalla croce e recato in processione per le viuzze di Positano, partendo da Santa Maria Assunta.
  • Per quanto riguarda la gastronomia e le prelibatezze pasquali in costa amalfitana si mangia quanto segue: il termine della quaresima è caratterizzata dalla carne, in abbondanza, quindi salumi, soppressate, pancetta e altri insaccati, rigorosamente trattati dai macellai del posto. Il tutto va accompagnato da verdure del periodo, come scarole, cicoria, fave, minestra, broccoli e altro. Tra le pietanze, c’è la pasta al forno cucinata in tanti modi diversi, insieme a uova, salame e mozzarella. La ciambella rustica salata viene chiamata Tortano ed è un’altra specialità della zona. Tra i dolci c’è la pastiera e il castello dolce.
  • Per coloro che vogliono fare delle escursioni e approfittare del bel clima e della natura durante i giorni di Pasqua, si consiglia di scoprire le alte e frastagliate coste della costa amalfitana, le ricchezze archeologiche, i paesini arroccati e la cultura locale fatta di tradizioni e persone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche