Ruy il piccolo Cid: la storia del condottiero spagnolo COMMENTA  

Ruy il piccolo Cid: la storia del condottiero spagnolo COMMENTA  

Ruy il piccolo Cid: la storia del condottiero spagnolo

Ruy il piccolo Cid, è un cartone manga coprodotto dalla Nippon Animation e dall BRB nel 1980.


La storia è suddivisa in 26 episodi ed è basato sulle avventure del leggendario guerriero spagnolo Cid Campeador e della sua immaginaria infanzia.

La serie è stata trasmessa in Italia a partire dal 1984.


Siamo in Spagna intorno all’anno 1000, quando il piccolo Cid cresceva con il desiderio di diventare un grande cavaliere e difendere la terra di Castiglia.


La caratterizzazione dei personaggi non è il punto forte della serie. I personaggi sono descritti in maniera molto superficiale. Alcuni hanno una vita televisiva breve.

Ruy Diaz .Giovanissimo e coraggioso vuole diventare un prode combattente. Viene lasciato in un monastero per apprendere le scienze e la letteratura ma lui ha ben altro in mente. Il suo obiettivo è l’avventura

Un solo amico,  lo comprende e lo segue: l’asinello Peka. In comune i due hanno la testardaggine di chi vuole camminare per proprio conto.

L'articolo prosegue subito dopo


Diego Diaz .Il papà di Cid che compare e scompare dalla serie.Come tutti i padri sogna un figlioletto forte e coraggioso

Alvar cugino del giovane protagonista. Destino infelice.

Lo sfondo storico della serie è solo un pretesto per raccontare le vicende del piccolo Cid. La religiosità non è un argomento in discussione e nemmeno un ostacolo.

Ruy diventa un piccolo paladino di giustizia, di nobiltà d’animo. Per lui l’essere umano è uno solo: non c’è rango o religione che tenga. Il paradosso è che lui, con la spada, riesce a seminare molta più pace e giustizia di quanto facciano i monaci di S. Pietro di Corbena nel loro monastero.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*