Sant’Elpidio a mare: caso di scabbia a scuola

News

Sant’Elpidio a mare: caso di scabbia a scuola

Sant'Elpidio a mare: caso di scabbia a scuola
Sant'Elpidio a mare: caso di scabbia a scuola

Il servizio di igiene e sanità pubblica ha appena segnalato un caso di scabbia in una scuola di Sant’Elpidio a mare, in provincia di Fermo, nelle Marche.

A Sant’Elpidio a mare è stato segnalato un caso di scabbia. È stato il servizio di igiene e sanità pubblica dell’Asur a renderlo noto ai genitori dei bambini della scuola. Infatti l’Asur, l’Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche, ha pensato di comunicare il prima possibile il fatto. Si sono così prese le misure di precauzione e di prevenzione. Al manifestarsi dei primi sintomi legati al contagio della spiacevole infestazione, si dovrà contattare il medico pediatra.

Che cos’è la scabbia

Per scabbia si intende una infestazione che coinvolge l’acaro della scabbia. Questo scava dei cunicoli sotto pelle provocando prurito intenso e irritazioni a livello epidermico. Il caso di scabbia non è da sottovalutare dal momento che è possibile rimanere contagiati da una persona che presenta questi acari.

Infatti si può trasmettere per contatto. Per fortuna si può curare attraverso l’applicazione di una pomata apposita direttamente sulle zone di pelle coinvolte.

La recente notizia ha generato apprensione nei genitori dei bambini della scuola dove è comparso il caso di scabbia. Molti di questi hanno chiesto spiegazione alla scuola e al Comune. Si suppone che il caso riguardi una insegnante della scuola Martinelli. Tuttavia, il dirigente dell’istituto, Giocondo Teodori, minimizza affermando che nessun bambino è stato contagiato. Assicura tutti del fatto che non ci sia nessuna emergenza in corso, e se così fosse, non esiterebbe a prendere precauzioni immediate. Le stesse parole sono state espresse anche dal sindaco Terrenzi, al quale era stato addirittura chiesto di chiudere la scuola materna fino allo stabilizzarsi della situazione. Per il momento si seguirà una normale prassi, e si stabiliranno eventuali accorgimenti da mettere in pratica. Il pericolo non sembra imminente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche