Sole24Ore, sciopero e inchiesta: cosa sta succedendo

Sole24Ore, sciopero e inchiesta: cosa sta succedendo

Attualità

Sole24Ore, sciopero e inchiesta: cosa sta succedendo

sole24ore

L’inchiesta sui vertici del gruppo del quotidiano economico il Sole24Ore e lo sciopero proclamato dall’assemblea dei giornalisti. Ecco la situazione.

Il Sole24Ore sta vivendo giorni delicati. C’è un’inchiesta in corso, in cui è coinvolto il direttore Roberto Napoletano. E’ stato indetto uno sciopero. E’ “la pagina più buia” della storia del quotidiano.

L’inchiesta sul Sole24Ore

La scorsa settimana, la Guardia di Finanza di Milano ha effettuato diverse perquisizioni presso la sede del Sole24Ore nell’ambito di un’indagine che vede coinvolti alcuni dei principali esponenti della testata.

Al momento, risultano indagati (fra gli altri, in tutto sono 9) il direttore Roberto Napolitano, l’ex presidente Benito Benedini e l’ex amministratore delegato Donatella Treu. L’ipotesi di reato è quella di false comunicazioni sociali. Le indagini sono iniziate lo scorso autunno a seguito degli esposti dell’Adusbef e del giornalista del quotidiano Nicola Borzi.

I vertici del Sole24Ore si sono impegnati a fornire alle autorità la massima collaborazione.

“Con riguardo alle iniziative assunte dall’autorità giudiziaria di Milano. i nuovi vertici del gruppo 24 Ore ribadiscono la propria volontà a fornire agli organi inquirenti la massima collaborazione per l’accertamento dei fatti, confermando che agiranno con determinazione a tutela degli interessi della società”. Questo il testo del comunicato ufficiale.

Sciopero a oltranza

I giornalisti del Sole24Ore si sono riuniti e dall’assemblea straordinaria è emersa la scelta di proclamare uno sciopero a oltranza. 142 voti a favore, 4 no e 10 astenuti per chiedere, di fatto, le dimissioni dell’attuale direttore Roberto Napoletano (che al momento si è auto sospeso).

“L’iscrizione nel registro degli indagati, per il reato di false comunicazioni sociali, del direttore Roberto Napoletano e di altri ex manager del gruppo, compresi l’ex presidente e l’ex amministratore delegato, rappresenta la pagina più buia nella storia del Sole 24 Ore”, hanno dichiarato in una nota ufficiale i giornalisti, secondo i quali Napoletano, “al di là delle responsabilità penali che sono ancora da accertare”, è responsabile di una “gestione editoriale del tutto deficitaria, che ha contribuito a portare la società sull’orlo del fallimento”.

“Al di là dell’esito finale del procedimento penale”, si legge ancora nella nota, “per la redazione è inammissibile che il giornale della finanza, dell’economia, del diritto possa andare in edicola con la firma di un direttore indagato per un reato assai grave, in ipotesi commesso proprio durante la sua permanenza al Sole 24 Ore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche