Tecniche per la Deepthroat perfetta

Sesso & Coppia

Tecniche per la Deepthroat perfetta

DEEPTHROAT.
DEEPTHROAT.

Che cosa si intende con la parola ” Deepthroat”? Chi ha inventato questa pratica? Scopriamo insieme le tecniche per una Deepthroat perfetta.

Il termine “Deepthroat” arriva dalla lingua inglese e significa “Gola Profonda“. Il termine è stato coniato nel 1972 quando nelle sale cinematografiche fece scandalo il film “Gola Profonda” di genere pornografico. La protagonista del film Linda Lovelace è una prostituta che non riesce a essere soddisfatta sessualmente e per questo motivo si confida con la collega Jenny che le presenta tutti uomini superdotati.

Anche dopo i vari incontri sessuali con i superdotati Linda rimane insoddisfatta e durante una visita medica scopre di avere il clitoride in gola. Stupefatta da questa scoperta, inizierà a lavorare come infermiera specializzata nella pratica della gola profonda, cioè del rapporto orale definito anche nel gergo italiano “Soffocotto” che implica il risucchio completo del pene fino in fondo alla gola.

La pratica del Deepthroat non è amata da tutti poichè provoca una sensazione di soffocamento e di corpo estraneo in gola.

Nei casi più gravi si possono avere anche casi di conati di vomito a causa della pressione del pene in gola e il riflesso faringeo involontario nel momento in cui viene toccato il palato molle. Ci sono però delle tecniche particolari di rilassamento che permettono un perfetto svolgimento della Deepthroat.

Ecco le tecniche per la Deepthroat perfetta:

  • DEEP THROATING: durante questa tecnica la prima cosa da fare è rilassare completamente i muscoli della gola. La tecnica è la stessa utilizzata dai mangiatori di spade, dove la bocca viene allineata alla gola attraverso una linea retta.
  • OVER THE EDGE: questo termine inglese significa “Oltre il bordo” e la persona che pratica la Deepthroat deve mettersi con la testa sdraiata oltre il bordo del letto in modo tale che il partner possa infilare il pene in gola in modo più facile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche