Trader italiani: suggerimenti per guadagnare soldi
Trader italiani: suggerimenti per guadagnare soldi
Tecnologia

Trader italiani: suggerimenti per guadagnare soldi

trader

Alcuni suggerimenti – soprattutto di buon senso – per cercare di trasformarsi in trader senza rimetterci i risparmi di una vita.

Il mondo del trading online è un ambito tanto affascinante quanto pericoloso: il rischio di fare investimenti incauti, destinati a divenire delle voci negative nel proprio bilancio personale è particolarmente alto. Per muoversi in questo peculiare universo, servono capacità imprenditoriali, conoscenza del mondo della finanza e anche una buona dose di pelo sullo stomaco. Pertanto, per non limitarsi a sognare di essere il prossimo George Soros, sono necessarie doti che non tutti possiedono, anche se in molti si illudono di averne in sovrabbondanza. Dato per assodato che nessuno si getterà nella fossa dei leoni senza un minimo di cognizione di causa, nelle righe che seguono proviamo a inanellare alcuni suggerimenti utili per diventare trader e guadagnare in maniera ragionata – senza, dunque, fare mosse avventate – con questa specifica branca della finanza.

– Fare riferimento al contesto.

Lavoriamo in Italia, quindi dobbiamo riferirci in prima istanza al mondo del trading italiano, e per estensione a quello dell’Unione Europea, dove è in circolazione l’euro.
– Studiare le mosse dei trader italiani di successo. Alcuni – come Marco Telese – gestiscono degli interessanti blog/tutorial, ricchi di consigli e suggerimenti per i trader alle prime armi. In genere, capire come si muovono questi – spesso giovani – signori dell’alta finanza, e soprattutto come hanno cominciato, aiuta a comprendere come muovere i primi passi in questo settore.
– Studiare il sistema forex. Si tratta di una particolare branca del trading, che consiste nello scambio di valute straniere (forex è una crasi delle parole Foreign Exchange). Il guadagno, per chi è capace di conseguirlo, è dato dall’oscillazione del valore delle singole valute. Ottimo modo per cominciare.
Non fare mai passi più lunghi della gamba. Il bravo trader sa quando deve fermarsi. Mai operare a budget scoperto facendo affidamento su investimenti a colpo sicuro: il bravo trader sa anche mantenere i propri investimenti al di sotto delle proprie disponibilità economiche effettive.

Il segreto è muoversi a passi piccoli: mini investimenti a basso rischio – magari anche a basso guadagno – all’inizio, per prendere confidenza con il meccanismo; guadagni a margine contenuto ma costanti; crescita lenta ma sicura; dopo un po’, si matureranno le coperture economiche e soprattutto l’esperienza necessarie a fare investimenti un po’ più arditi.
– Lavorare su settori specifici. Meglio partire da zone del trading nei confronti delle quali si conoscono i contorni e i contenuti.
– Quando i primi risultati arriveranno, e con essi fiducia e competenza, si potrà allargare il discorso, coinvolgendo soci o potenziali investitori.
– A questo punto, sarà bene promuovere il proprio lavoro tramite i soliti canali, proprio al fine di attirare potenziali investitori: LinkedIn, Facebook e Twitter sono lì apposta, dunque che aspettate?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche