Uno sguardo insolito su David Lynch COMMENTA  

Uno sguardo insolito su David Lynch COMMENTA  

La settimana inizia all’insegna della cultura e del mistero, con l’evento in programma stasera all’AncheCinema Royal: la proiezione del film David Lynch, The Art Life, evento organizzato dall’associazione La Scatola Blu.

La voce del controverso regista statunitense conduce lo spettatore in un viaggio attraverso la sua vita, dall’infanzia nella tranquilla provincia americana agli anni della formazione, dall’uscita del suo primo film, l’indimenticabile Eraserhead, agli eventi della sua vita che hanno ispirato alcuni dei suoi film. The Art Life è stato realizzato grazie a un crowdfunding su Kickstarter, e anche grazie alla mole consistente di documenti inediti ai quali gli autori hanno avuto accesso, avendo così modo di iniziare a lavorare al progetto nel 2012. Il loro lavoro permette di osservare le tappe che hanno portato alla formazione del genio che oggi conosciamo, di comprenderne il percorso personale e di guardarlo da una prospettiva intima e del tutto nuova. Il film, infatti, nasce anche come un diario privato indirizzato dal padre alla sua figlia minore.

Gli aneddoti del proprio passato vengono raccontati dal regista come se fossero scene tratte da un suo film. Come afferma lui stesso, infatti, “Anche se si tratta di nuove idee, il nostro passato le influenza inevitabilmente”. E con David Lynch, The Art Life risulta più chiaro come il regista abbia sempre visto il mondo con uno sguardo diverso, onirico e visionario come le realtà oscure e introspettive che dipinge nei suoi lavori.

L’appuntamento è fissato per stasera, lunedì 13 marzo alle 21, AncheCinema Royal, Corso Italia 112, Bari.

DAVID LYNCH – THE ART LIFE
un film di Jon Nguyen, Olivia Neergaard-Holm, Rick Barnes, con David Lynch, montaggio: Olivia Neergaard-Holm, fotografia: Jason S., musica: Jonatan Bengta, distribuzione: Wanted Cinema, Stati Uniti, Danimarca, 2017, 90 minuti
Versione originale in inglese sottotitolata in italiano
Per maggiori informazioni: lascatolablu.com
Paolo Cocuroccia e Roberta Biondi

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*