> > Bimbo di 2 mesi trovato morto dai genitori a Imperia: disposta l'autopsia

Bimbo di 2 mesi trovato morto dai genitori a Imperia: disposta l'autopsia

Foto di bimbo che stringe mano ad adulto

Un bimbo di 2 mesi è stato trovato senza vita dai genitori ad Imperia: inutili i tentativi di rianimarlo. Sul corpo è stat disposta l'autopsia

Giallo a Taggia in provincia di Imperia dove un bimbo di 2 mesi è stato trovato morto dai genitori.

La mamma e il papà si sarebbero accorti che il bimbo non dava più segni di vita ed hanno allertato i soccorsi. Le cause della morte restano ancora ignote e sulla vicenda indagano i carabinieri di Sanremo. Nel frattempo, è stata disposta l’autopsia sulla salma. 

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 13 ottobre, i genitori del bimbo si sarebbero accorti che non dava più segni di vita mentre si trovavano nella loro abitazione in via Soleri. 

Sono scesi in strada a chiedere aiuto e sul luogo sono giunti tempestivamente i soccorsi.

I sanitari del 118 hanno provato a rianimare il piccolo ma senza successo. Il decesso è stato dichiarato all’arrivo al pronto soccorso di Sanremo dove il piccolo era stato trasferito d’urgenza. 

Si ipotizza che il bambino di 2 mesi abbia avuto una crisi respiratoria ma è stata disposta l’autopsia per ulteriori accertamenti. Il corpo pare non presentasse nessun segni di percosse o violenza. 

Bimbo di 2 mesi trovato morto: le ipotesi del decesso

È stata disposta l’autopsia sulla salma del bambino di 2 mesi trovato morto in casa dai genitori. Sembrerebbe che la causa del decesso sia una crisi respiratoria ma non si esclude che si tratti di un caso di SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) meglio conosciuto come “morte in culla“. Si tratta di un decesso improvviso ed inspiegabile che si verifica tra il primo e il quinto mese di vita. 

In passato, in Italia è stato calcolato che la “morte in culla” ha un incidenza del 1-1,5‰ dei nati vivi, ma è in declino per la maggior attenzione nel mettere a dormire i neonati in posizione supina.

Ora, la stima si aggira intorno allo 0,5‰, ovvero 250 nuovi casi SIDS all’anno.

LEGGI ANCHE: