Catania: ipotesi 'working buy out' per salvare Antenna Sicilia dalla chiusura
Catania: ipotesi ‘working buyout’ per salvare Antenna Sicilia dalla chiusura
Attualità

Catania: ipotesi ‘working buyout’ per salvare Antenna Sicilia dalla chiusura

Adesso la citta di Catania spera davvero che le istituzioni possano salvare l’emittente storica ‘Antenna Sicilia‘ dalla paventata chiusura. Negli ultimi mesi i tagli al personale e la riduzione al minimo delle redazioni giornalistiche, avevano fatto temere il peggio per una delle emittenti più amate dai siciliani, di proprietà dell’editore Mario Ciancio Sanfilippo, che sta attraversando ormai da tempo una crisi che appare irreversibile.

Sulla possibilità di ricorrere al “working buyout”, la Cgil e la Slc Cgil di Catania, secondo le dichiarazioni dei segretari generali Giacomo Rota e Davide Foti, si sono dimostrati fiduciosi e ottimisti: “apprezziamo l’intervento delle istituzioni locali. Chiediamo inoltre al sindaco di Catania, Enzo Bianco, che si faccia promotore dell’ apertura di un doppio ‘tavolo’, uno tecnico ed uno politico, per cercare insieme alle parti sociali in causa, le soluzioni idonee attraverso questi strumenti alternativi. Sarebbe inoltre l’ultima vera occasione affinché la proprietà faccia un passo indietro, rispetto alle decisioni già prese, anche a tutela di un marchio che ha lasciato il segno nell’Isola”.

Sull’ipotesi di un salvataggio attraverso l’intervento delle istituzioni , è intervenuto sul sito Cataniatoday anche il presidente di Acli Sicilia, Santino Scirè: “Se ci fosse anche una sola via d’uscita per salvare l’emittente regionale catanese Antenna Sicilia e i suoi giornalisti e operatori, è necessario che venga individuata e vagliata.

Non è immaginabile che un patrimonio storico per l’informazione siciliana venga distrutto in pochi mesi. Siamo certi che una soluzione possa essere trovata grazie al buon senso di tutti’.

L’idea era nata proprio da un appello lanciato dal sindaco del Comune di Catania, Enzo Bianco, che di fronte alla grave crisi dell’azienda, aveva proposto la soluzione del ‘working buyout’ che consiste consiste nell’affidare ai lavoratori testate e attrezzature in comodato d’uso in maniera che la redazione possa continuare a sopravvivere. Il sindaco ha promesso il proprio impegno personale per salvare l’emittente: ‘sono disposto a spendermi personalmente per evitare che l’informazione a Catania subisca un altro grave colpo. Sono pronto a coinvolgere le forze produttive catanesi che non possono non rendersi conto dell’importanza per il nostro territorio di uno strumento come Antenna Sicilia’.