×

Covid, in Italia i vaccini hanno evitato 12 mila morti da inizio campagna a giugno

Covid, uno studio sui vaccini ha fatto emergere dati rilevanti sull'importanza della campagna vaccinale in Italia: 12 mila morti evitate nei primi 6 mesi

Vaccino

Un nuovo interessante studio sui vaccini ha fatto emergere dati rilevanti sull’importanza della campagna vaccinale svolta in Italia. Da dicembre 2020 fino a giugno 2021 sono state 12 mila le morti evitate grazie alle vaccinazioni. 

Covid, nuovo studio dell’Iss sui vaccini: i dati

Secondo la mappa delle vaccinazioni di Our World in Data in Italia sono state somministrate 92,3 milioni di dosi di vaccino anti Covid, che hanno immunizzato il 73,6 percento degli italiani e l’80% di cittadini con più di 12 anni. Un ottimo risultato che permette al Paese di guardare con meno ansia alla quarta ondata in arrivo

Covid, nuovo studio dell’Iss sui vaccini: le morti evitate

Il team di ricerca guidato da scienziati della Fondazione Bruno Kessler e dell‘Istituto Superiore di Sanità, ha stabilito dall’analisi dei dati, che i vaccini Covid hanno evitato ben 12 mila morti nei soli primi sei mesi di campagna vaccinale.

Gli studiosi hanno tenuto conto di fattori come i contatti sociali, il numero di morti per COVID-19 e il potenziale di trasmissione e, sfruttando un modello matematico, hanno potuto stimare quali sarebbero stati i dati epidemiologici in assenza delle vaccinazioni

Covid, nuovo studio dell’Iss sui vaccini: la lotta alla Delta

L’intervento dei vaccini, secondo lo stesso studio, è stato fondamentale anche nella battaglia con le nuove varianti Covid, in particolare con la variante Delta.

Come evidenziato dal team di ricerca italiano, del quale fanno parte anche Silvio Brusaferro, Giovanni Rezza e Stefano Merler, è stato dimostrato che “L’effetto negativo della diffusione della variante Delta a luglio è stato interamente compensato dalla vaccinazione nel mese di luglio e agosto 2021.”

Contents.media
Ultima ora