Arezzo, donna di 53 anni morta di freddo in auto: era la sua casa | Notizie.it
Arezzo, donna di 53 anni morta di freddo in auto: era la sua casa
Cronaca

Arezzo, donna di 53 anni morta di freddo in auto: era la sua casa

Reggio Emilia, nasconde la madre morta per percepire la pensione e in seguito si uccide
Nasconde la madre morta per prendere la pensione e poi si uccide

Ornella Occhini aveva deciso di vivere senza fissa dimora. I parenti e i servizi sociali avevano provato inutilmente ad aiutarla.

Ornella Occhini, 53 anni, è stata trovata senza vita nella sua auto, una vecchia Fiat 500, lunedì 11 febbraio. A Poggio del Drago, nel comune di Pergine Valdarno Laterina (in provincia di Arezzo) la tragica scoperta. Da diversi anni l’auto si era trasformata nella casa della donna, uccisa dal freddo stando ai primi accertamenti. Lo riferisce il Corriere di Arezzo.

La vita della donna

La 53enne aveva infatti deciso di vivere in questa maniera, senza fissa dimora ma a contatto con la natura (l’automobile era parcheggiata tra gli alberi), e in piena libertà. Secondo diverse testimonianze era molto religiosa, e “amava camminare e stare in solitudine” si legge sul Corriere di Arezzo. Non si può comunque parlare di un vero e proprio dramma della solitudine perché diverse persone si erano preoccupate per le sorti di Ornella. In particolare i servizi sociali le avevano proposto diverse volte una sistemazione più adeguata come riporta Arezzoweb. Ma lei aveva sempre detto di no.

Rispondendo allo stesso modo anche ai parenti che avevano cercato inutilmente di fornire il proprio sostegno e si erano dovuti accontentare delle visite nell’auto dove Ornella viveva. Proprio durante una di queste visite un familiare l’ha trovata morta.

L’allarme

La donna, originaria di Ponticino, non si era fatta più vedere da alcuni giorni. Sul luogo del ritrovamento sono giunti i Carabinieri e i sanitari del 118. Il medico legale ha sottolineato che si tratta di una morte naturale che risalirebbe a circa cinque giorni fa, come detto a causa delle temperature molto basse.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche