Bambino fa da ostaggio sul bus in fiamme "Mi sono offerto" | Notizie.it
Bambino fa da ostaggio sul bus dirottato: “Mi sono offerto per tutti”
Cronaca

Bambino fa da ostaggio sul bus dirottato: “Mi sono offerto per tutti”

Bambino fa da ostaggio sul bus in fiamme "Mi sono offerto per tutti"
Bambino fa da ostaggio sul bus in fiamme "Mi sono offerto per tutti"

Parla il 12enne che si è offerto come ostaggio per mettere in salvo i suoi compagni: "Mi sono offerto perché tutti avevano paura, dovevo farlo".

Mi sono offerto ostaggio perché tutti avevano paura: sapevo di fare una cosa importante” ha dichiarato il 12enne sceso per ultimo dal bus in fiamme dirottato da Ousseynou Sy. Il ragazzo si è offerto volontariamente come ostaggio al 46enne di origine senegalese, che ha tenuto sotto scacco un autobus con a bordo 51 studenti, minacciando la strage. Intervistato da NewsMediaset, ha ripercorso i momenti di tensione e paura di mercoledì 20 marzo. “È una pagina della mia vita che va bruciata come è andato bruciato quel pullman” ha dichiarato il ragazzo.

“Mi sono offerto come ostaggio per tutti”

Come riporta Tgcom24, nel ricordare i difficili momenti vissuti il 12enne ha dimostrato coraggio e consapevolezza. “Ci minacciava con un coltello, ma quando sono arrivati i carabinieri mi sono tranquillizzato” ha spiegato. “Mi è salita l’adrenalina quando ho visto i carabinieri che rompevano i finestrini con i manganelli e i miei compagni che scappavano” ha raccontato. Ora, dopo aver superato lo shock, è pronto per rientrare in classe: “Ora la vita normale deve ricominciare” ha concluso.

Le parole del 12enne che ha salvato tutti

Quello del ragazzo che si è offerto come ostaggio Ousseynou Sy è stato un gesto di coraggio, che ha aiutato a fare risolvere l’episodio per il meglio.

Di indubbio coraggio è stata anche l’azione del ragazzo che, mettendosi in contatto con i Crabinieri, ha salvato i suoi compagni. “Uno dei telefoni, quello di un mio compagno è caduto per terra. Così sono riuscito a togliermi le manette, facendomi anche un po’ male, e sono riuscito ad avvertire i carabinieri” ha raccontato il ragazzo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marta Lodola
Marta Lodola 746 Articoli
Classe 1994, nata e cresciuta a Milano. Laureata in Lettere, amante della storia. Giornalista d'aspirazione, educatrice e calciatrice per passione.