×

Coronavirus Genova, il padre muore in ospedale: l’appello di Margherita

Condividi su Facebook

Suo padre è morto in ospedale a Genova, ma non ha fatto il tampone: Margherita lancia un appello affinché si scoprano le cause del decesso.

coroanvirus genova appello margherita
coroanvirus genova appello margherita

Margherita Muglioni ha perso suo padre, morto all’ospedale di Genova, ma non è sicura che abbia contratto il coroanvirus: il suo appello è straziante. “Non tutti muoiono di coronavirus – ha detto la ragazza -, ci sono anche vittime di altre patologie, ma tutte vengono messe nella stessa sacca”.

Non ha più lacrime da versare dopo che i medici non le hanno nemmeno permesso di avvicinarsi all’uomo, nonostante non fosse stato fatto nessun tampone. “So che per molti era solo un anziano, però era mio padre: voglio sapere la verità, non tutti muoiono di coronavirus”.

Coronavirus Genova, l’appello di Margherita

L’appello di Margherita, una ragazza che vive ormai da sei anni a Parigi, arriva via social: suo padre è morto all’ospedale di Genova il 25 marzo scorso, ma forse non a causa del coronavirus. Non è stato fatto alcun tampone, ma nonostante questo i parenti non si sono potuti avvicinare per salutarlo un’ultima volta. Era arrivato in ospedale per una polmonite acuta che lo tormentava da sei mesi e per una strana fuoriuscita di sangue dal catetere.

“Erano sicuri che fosse malato di coronavirus, ma quando poi è deceduto hanno detto che invece non era così – racconta Margherita -. Ha sempre avuto paura di morire in ospedale e invece è proprio quello che è successo”.

Qualche giorno prima, spiega ancora la ragazza a Fanpage,”lo hanno fatto entrare in ospedale e lo hanno tenuto dicendo che fosse stato contagiato, ne erano sicuri al 100%, perché avevano anche fatto il tampone.

Quando però abbiamo chiamato il laboratorio ci hanno detto di non aver mai ricevuto nulla”. Da quel momento non è più stato possibile avvicinarsi a lui. “Non hanno lasciato né a mia madre e né a mio fratello la possibilità di assisterlo nonostante fosse anziano ed invalido al 100%”.

Quello che si chiede ora margherita è scoprire le reali cause della morte di suo padre, al quale non ha potuto nemmeno stringere la mano per un’ultima volta. “Mio padre è morto in condizioni ignote. Non abbiamo potuto tenergli la mano ed è morto da solo, senza essere realmente sicuri che si trattasse di coronavirus”. La ragazza, quindi, conclude spiegando di non avere nulla contro lo Stato o contro i medici. “Non riesco a darmi pace – ha aggiunto -, non riesco a mangiare, non riesco a dormire. Perché lo vedo che urla aiuto mentre nessuno gli presta assistenza. Mi chiedo come si possa dire che una persona ha una patologia senza aver fatto gli appositi esami”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.