×

Crisanti: “Se ovunque ci fosse stato il modello Vo’ ora festeggeremmo”

Condividi su Facebook

Crisanti torna a lamentare la carenza di tracciamento dei contatti dei casi positivi al coronavirus difendendo il modello adottato a Vo'.

epidemia coronavirus crisanti

Il microbiologo dell’Università di Padova Andrea Crisanti, mentore della strategia veneta per contenere l’epidemia nella prima ondata, torna a difendere il modello di Vo Euganeo per i tamponi lamentando di non essere stato ascoltato dal governo per estenderlo a livello nazionale.

Crisanti sul modello Vo

Il piano epidemia di marzo è quello che ho scritto io e se il mio modello fosse stato applicato fin dall’inizio in questo momento staremmo festeggiando“. Inizia così la sua lettera pubblicata dal Mattino di Padova in cui l’esperto ha nuovamente sostenuto che una delle principali mosse da adottare sia quella di tracciare il più possibile i contatti dei casi positivi per provvedere al loro isolamento.

Oltre ad aver proposto di estendere a livello nazionale la sua strategia locale, ha continuato Crisanti, il 20 agosto aveva formalmente consegnato alle istituzioni il suo progetto. Tra le principali misure per arginare il virus vi era il tracciamento automatico di tutti gli eventuali contatti dei positivi e tamponi diffusi, fino a 400mila al giorno, per spegnere sul nascere i focolai.

Un progetto a cui però non ha mai avuto risposta e ora, a distanza di quasi tre mesi, il Premier Conte emana nuovi decreti “destinati ad impattare sulla nostra qualità della vita e sulle nostre attività lavorative, subiti pazientemente con la speranza che possano contribuire a diminuire il contagio“. Un altro errore del governo a suo dire è quello di pensare soltanto a far scendere la curva dei contagi senza una strategia per tenerla bassa.

la lettera

Recentemente un giornale locale del Veneto ha pubblicato una serie di articoli di Bruno Vespa nei quali vengo accusato di aver alterato e mistificato il caso Vo’ citando a supporto della tesi una lettera che la dott.ssa Russo avrebbe inviato alla rivista Nature.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media