×

Bassetti: “Attenzione alla febbre gialla, candidata per una nuova pandemia”

Bassetti fa il punto sulla situazione del Covid-19 analizzando anche altri pericoli causati anche dalla tropicalizzazione.

Matteo Bassetti parla di Covid e di altre malattie
Matteo Bassetti parla di Covid e di altre malattie

Matteo Bassetti, docente Ordinario di Malattie Infettive presso l’Università di Genova, ha parlato di Covid-19 e anche di altre situazioni sanitarie ritenute pericolose per il futuro. In un suo lungo post su Facebook si è soffermato su alcuni pericoli da non sottovalutare nel breve-lungo periodo, tra cui la febbre gialla.

Bassetti sulla febbre gialla

Bassetti comunica via Facebook quelle che sono le problematiche da affrontare nel futuro. “Le infezioni vanno guardate con molta attenzione – afferma l’infettivologo – non hanno un solo volto e non dobbiamo farci ingannare. C’è un motivo se si parla della nostra epoca come l’epoca dei microbi”.

  1. LEGGI ANCHE: Il pericolo delle cene natalizie secondo Bassetti
  2. LEGGI ANCHE: L’età media delle vittime causate dal Covid-19

Altri virus pericolosi

Lo specialista non guarda soltanto al Coronavirus e parla anche di cambiamenti climatici e del fenomeno della tropicalizzazione che sta colpendo l’Italia, ma non solo. Ci sono infatti in tutto il mondo altri virus poco conosciuti a livello globale che Bassetti pone all’attenzione dei lettori. Uno sguardo accompagnato anche da una mappa illustrativa per far comprendere ai lettori di cosa si stia parlando.

“Il rischio, per esempio, che in Italia, a causa del fenomeno della tropicalizzazione, possano diffondersi malattie tipiche di fasce climatiche differenti.

È già successo – commenta Bassetti – con il virus del Nilo Occidentale oppure il virus chikungunya, trasmesso dalla zanzara tigre tipico di alcune aree tropicali. È diventato addirittura endemico in un’area del Polesine. Per non parlare della febbre gialla in America Latina“.

Ovviamente non sono mancati i lettori che ringraziano Bassetti per le informazioni divulgate e gli altri che invece lo criticano per i motivi più disparati.

Il post su Facebook

Nato a Roma nel 1991 e cresciuto a Cosenza, pratica l’attività giornalistica dal 2015. Ama spaziare tra le mille sfaccettature del giornalismo e le tante notizie che arrivano da tutto il mondo. Attualmente collabora con Ottoetrenta.it, MeteoWeek.com e Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Alessandro Artuso

Nato a Roma nel 1991 e cresciuto a Cosenza, pratica l’attività giornalistica dal 2015. Ama spaziare tra le mille sfaccettature del giornalismo e le tante notizie che arrivano da tutto il mondo. Attualmente collabora con Ottoetrenta.it, MeteoWeek.com e Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora