×

Suicida fotografo di Napoli: crisi economica per il Covid

Condividi su Facebook

Umberto Sbrescia, noto fotografo di Napoli, si è suicidato a causa della crisi economica.

Umberto Sbrescia
Umberto Sbrescia

Umberto Sbrescia, titolare del negozio Sbrescia Photo Specialist Store, situato alle spalle della stazione di piazza Garibaldi a Napoli, si è tolto la vita a causa dei debiti dovuti alla crisi economica causata dal Coronavirus. Era il punto di riferimento di tutti i fotografi professionisti e amatoriali.

Suicida fotografo di Napoli

Umberto Sbrescia aveva 67 anni ed era un noto fotografo di Napoli. Il suo corpo è stato trovato all’interno del suo storico negozio in via Silvio Spaventa. La famiglia lo stava cercando perché tardava a tornare a casa, ma quando sono arrivati al negozio hanno trovato il suo corpo senza vita. Umberto Sbrescia ha spiegato i motivi di questo terribile gesto in una lettera.

L’azienda Sbrescia, nata nel 1958, era molto nota nel settore, in quanto riferimento per tutti i fotografi partenopei. La crisi di quest’ultimo anno, legata alla pandemia da Coronavirus, l’ha letteralmente messa in ginocchio. Dal mondo della fotografia sono arrivati numerosi messaggi di cordoglio.

Come riportato dal Corriere della Sera, sabato 9 Gennaio 2021 Umberto Sbrescia era andato a lavorare regolarmente, come ogni giorno. A pranzo non è rientrato a casa e risultava irraggiungibile al telefono.

I familiari si sono molto preoccupati e hanno subito avvertito la polizia, che ha trovato il corpo dell’uomo all’interno nel negozio insieme al biglietto scritto da lui. Una lettera in cui invita i suoi parenti a lasciare Napoli e chiede allo Stato di non rivalersi su di loro per tutto ciò che lui ha lasciato in sospeso, ovvero diversi debiti accumulati con fisco e con interlocutori privati, probabilmente fornitori con cui aveva preso impegni che non ha potuto portare a termine. Probabilmente l’uomo temeva anche lo sblocco delle cartelle esattoriali e l’arrivo di richieste di pagamenti che non sarebbe riuscito a sostenere.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media