Eindhoven tra passato e futuro
Eindhoven tra passato e futuro
Viaggi

Eindhoven tra passato e futuro

Eindhoven

Ecco i luoghi più suggestivi da visitare a Eindhoven, la splendida cittadina olandese votata all'arte, al design e alla creatività.

La prima città che viene in mente quando si pensa all’Olanda e ai Paesi Bassi è senza dubbio Amsterdam, la coloratissima capitale dell’Olanda. Amsterdam però non è l’unica città dei Paesi Bassi che vale la pena visitare.



Una meta che vi lascerà a bocca aperta per la sua modernità e per la sua bellezza è Eindhoven. La città può essere definita un museo a cielo aperto per le quantità di opere d’arte urbane, di graffiti e di installazioni sparse per tutti i quartieri della città. Oltre agli edifici super moderni e all’avanguardia, non mancano però nemmeno i richiami a un recente passato dove la città si è distinta per ingegno e creatività. Scopriamo insieme i luoghi più caratteristici per un viaggio ad Eindhoven alla scoperta dell’arte, del design e della modernità.

Eindhoven

Sita nella parte meridionale dei Paesi Bassi, Eindhoven è una delle città economicamente più sviluppate dell’Olanda. La città ha infatti conosciuto un fortissimo sviluppo industriale a partire dall’inizio del Novecento e le sue numerosissime fabbriche hanno dato vita a un’economia vivace e all’avanguardia.

Ricordatevi che qui è “nata” la prima fabbrica di lampadine e ancora oggi la città non rinnega il suo amore per la tecnologia e le invenzioni più creative e stravaganti.

Philips Museum

Forse non tutti sanno che Eindhoven è stata la prima sede della storica azienda di lampadine Philips, diventate oggi per l’appunto un simbolo della città. La vecchia fabbrica ospita oggi il Philips Museum, un enorme spazio espositivo che offre un divertente viaggio tra elettrodomestici, luci e oggetti che ripercorrono la storia delle invenzioni che hanno riempito le nostre case e cambiato il nostro modo di vivere. Di fronte alla storica fabbrica dell’azienda sorge invece il celebre Witte Dame, una struttura che ospita la biblioteca pubblica, la Design Academy e alcuni negozi.

Philips Museum

Birilli volanti

Realizzata nel 2000 per volere della città di Eindhoven e in collaborazione coi il Van Abbemuseum, l’installazione dei Flying Pins, i cosiddetti “birilli volanti”, è diventata in pochissimi anni una tappa obbligata per i sempre più numerosi turisti che affollano la splendida cittadina olandese.

L’istallazione è opera degli artisti Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen che hanno scelto di rappresentare questi enormi birilli gialli (lunghi quasi 8 metri e larghi 3) nel momento in cui la palla da bowling li fa saltare per aria. Collocata in una parte periferica della città, l’ormai celebre istallazione ha rianimato e fatto conoscere un quartiere poco frequentato della città.

birilli volanti

Van Abbemuseum

Altra tappa obbligata per chi visita la bella cittadina olandese è poi il Museo di arte moderna e contemporanea costruito nel 1936 dall’architetto A.J. Kropholler per ospitare la collezione di Van Abbe. All’interno del Van Abbemuseum troviamo opere di artisti del calibro di Pablo Picasso, Wassily Kandinsky, Marc Chagall, El Lissitzky e Piet Mondrian. Ritagliatevi un paio d’ore del vostro viaggio per passeggiare in questo meraviglioso Museo e godervi le opere dei più importanti artisti moderni e contemporanei.

Van Abbemuseum

The Blob

Altra meta obbligata di una visita ad Eindhoven è l’edificio futuristico che prende il nome di “The Blob” e che è stato progettato dal famoso architetto italiano Massimiliano Fukas.

L’edificio, alto più di 25 metri, è costruito tutto in vetro e acciaio e si erge accanto a uno speciale parcheggio sotterraneo destinato ad accogliere 1.700 biciclette a testimonianza dell’attenzione della città per i problemi ambientali legati all’inquinamento.

The Blob

Evoluon

Costruito nel 1966 su incarico di Frits Philips, l’Evoluon, per via della sua caratteristica forma che ricorda un disco volante, è diventato l’edificio simbolo della città di Eindhoven. Nato inizialmente come Museo della scienza, è ora un moderno centro per congressi ed eventi. Progettato dagli architetti Leo de Bever e Louis Christiaan Kalff, l’edifico a forma di UFO non smette di attirare turisti provenienti da tutto il mondo.

Eindhoven

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche