> > Eros Ramazzotti, il commento su Giorgia Meloni e il futuro da nonno

Eros Ramazzotti, il commento su Giorgia Meloni e il futuro da nonno

Eros Ramazzotti

Il famosissimo cantante Eros Ramazzotti ha rilasciato una bella intervista dove ha toccato diversi temi: il cantante ha parlato anche di Giorgia Meloni

Pur essendo sula cresta dell’onda ormai da tantissimi anni, Eros Ramazzotti resta certamente anche al giorno d’oggi uno dei cantanti più apprezzati nel nostro Paese.

Non solo, Eros è anche uno dei pochi artisti italiani ad aver sfondato nel mercato discografico estero, un’ulteriore prova è il tour dal titolo ‘Battito Infinito‘ che sta affrontando in questi giorni in Sud America.

Eros Ramazzotti su Giorgia Meloni: “A me sembra caz*uta”

In occasione di questo importantissimo evento, Eros ha rilasciato anche una bella intervista per ‘Il Corriere della Sera‘, in cui il cantante ha abbracciato diversi temi.

In particolare, Ramazzotti ha voluto dire la sua sulla situazione politica italiana e sulla formazione del nuovo Governo guidato da Giorgia Meloni: “Al di fuori dei discorsi destra, sinistra, centro, non mi interessano i colori delle bandiere, spero che Giorgia Meloni faccia bene – afferma Ramazzotti che poi prosegue – “Se sarà seria come sembra e anche la gente che ha chiamato al Governo lo sarà, le cose potranno andare bene. Tengo le dita incrociate e spero che Salvini faccia bene il lavoro cui è stato chiamato.

Meloni mi sembra caz*uta però non deve mettere in mezzo quel passato che non è un bel passato. Guardi al presente e migliori l’Italia.”

La gravidanza di Aurora e il futuro da nonno

Il giornalista del ‘Corriere‘ ha poi voluto incalzare approfondendo anche temi più personali per il cantante, in particolare la gravidanza della figlia Aurora: “Mia figlia Aurora è una donna cresciuta e con testa. L’amore che vedo tra lei e il suo compagno Goffredo Cerza è un esempio.

Il primo regalo che vorrò fare a mio nipote è una gita in studio dove ci sono tutti gli strumenti e poi vedremo quale preferirà. Più in generale penso che meno regali si facciano più ci sia una spinta a migliorarsi. Ho l’istinto di educare, non sarò solo il nonno che vizia.”