×

Covid, Johnson rivela: “La variante inglese sembra essere più letale”

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato che secondo gli ultimi studi la variante inglese di Covid-19 sembrerebbe essere più letale.

variante inglese letale 768x558

Nella serata del 22 gennaio il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato che secondo gli ultimi studi la variante inglese di Covid-19 sembrerebbe essere più letale: “Siamo stati informati oggi del fatto che, oltre a diffondersi più rapidamente, sembra esistano alcune prove che la nuova variante possa essere associata a un più alto grado di mortalità.

La notizia si aggiunge a quella sulla maggiore trasmissibilità del nuovo ceppo, scoperto nella contea inglese del Kent.

Variante inglese, Johnson: “Sembra essere più letale”

Nel suo intervento, Johnson ha inoltre riportato le affermazioni di Patrick Vallance, medico e consulente scientifico del governo, per il quale sarebbero emerse prove di un maggior numero di decessi causati dalla nuova variante rispetto al ceppo originario di Sars-CoV-2. Sempre secondo Vallance la variante inglese causerebbe 13/14 morti ogni mille contagiati, a fronte dei 10 della variante precedente.

Questi dati sono stati confermati anche dall’epidemiologo Neil Ferguson, che sempre nella giornata del 22 gennaio ha dichiarato:È una possibilità realistica che la nuova variante britannica aumenti il ​​rischio di mortalità, ma rimane una considerevole incertezza”, quattro centri di ricerca universitari: hanno esaminato la relazione tra le persone risultate positive alla variante rispetto ai vecchi ceppi e la conseguente mortalità.

Se n’è dedotto un aumento della mortalità di 1,3 volte. Quindi per coloro che hanno compiuto già i 60 anni, 13 persone su 1000 potrebbero morire rispetto a 10 su 1000 come accadeva per i vecchi ceppi”.

Contents.media
Ultima ora