×

Foto segnaletiche di donne americane tra gli Anni ’40 e ‘60

Una serie di foto segnaletiche di donne americane tra gli Anni ’40 e ‘60: i loro volti raccolti in un libro dal collezionista Mark Michaelson.

Una delle foto

Il padre della criminologia, Cesare Lombroso, sosteneva che si potessero dedurre i caratteri psicologici e morali dalla fisionomia e dalle espressioni del volto di una persona. E’ in fondo questo che affascina delle foto segnaletiche delle persone arrestate, usate fin dall’epoca vittoriana – in cui vigeva un certo gusto per il macabro e per ciò che era spaventoso – per studiare i loro profili psicologici e valutarne la pericolosità sociale.

Un collezionista statunitense, l’art director Mark Michaelson, ha raccolto circa 10.000 di fotografie di uomini e donne ricercati (“wanted”) finiti in manette per un qualche tipo di reato – compresa la prostituzione – tra il 1870 e il 1970. Molto competente nella gestione delle immagini, Michaelson è venuto in contatto con un fotografo londinese, Nick Dolding, che le ha riunite in un libro pubblicato nel 2009 e acquistabile anche in Italia su Amazon.

E’ intitolato “Least Wanted: a Century of America Mugshot”, dedicato appunto ad un secolo di foto segnaletiche americane. Ecco alcune fotografie di donne tra gli Anni Quaranta agli Anni Sessanta. A volte sono indicati i loro nomi e ciò di cui erano accusate: per esempio Rita Maria McGinty, di professione domestica, agli arresti nel 1945 con l’accusa di “Condotta disordinata”.

Foto segnaletica

Volti dalle espressioni dure o mortificate, oppure sui quali compariva addirittura un sorriso sprezzante, o volti di chi aveva appena pianto o non riusciva a trattenere le lacrime. Molte di queste donne avevano i capelli scarmigliati, magari per aver cercato di impedire alle autorità di arrestarle, altre avevano un’acconciatura perfetta.

Foto segnaletica10

Il libro

Foto segnaletica

La descrizione di “Least Wanted” spiega che le “facce peggiori” sono state fotografate tra gli Anni Venti e Trenta. Si trattava in genere di gangester, prostitute e giovani sbandati di strada. “Annoiati, imbarazzati, orgogliosi, schivi, duri, provocatori, feriti, o innocenti (fino a prova contraria), in ogni caso, il protagonisti riescono a stare di fronte alla fotocamera rivelando un carattere unico”, viene sottolineato. Molti non erano colpevoli, ma furono condannati ingiustamente in un particolare periodo storico degli Stati Uniti: neri che avevano l’unica “colpa” di aver camminato in zone riservate ai bianchi durante la segregazione razziale:, bambini affamati che avevano semplicemente rubato una mela durante la Grande Depressione, ubriachi nel periodo del Proibizionismo, o altri colpevoli soltanto di essere sindacalisti o di avere idee comuniste.

La mostra

Foto segnaletica6

A queste fotografie, nel 2006 era stata già dedicata una mostra a The House of Love of Dissent in via Leonina 85 a Roma. Uno degli organizzatori aveva spiegato che non erano stati rivelati agli spettatori i motivi degli arresti e spesso, chi credeva di aver capito “dalla faccia” la colpevolezza di qualcuno, all’uscita scopriva che quella persona era innocente: qualcuno si era persino messo a piangere, per averlo giudicato così male ingiustamente.

Foto segnaletica7


Contatti:

Contatti:

Leggi anche