×

Il giusto nutrimento

default featured image 3 1200x900 768x576
null

Per sostenere un rigoglioso sviluppo e sperare in una loro rifiorenza le orchidee devono essere nutrite. In molte case questa pratica è ancora poco utilizzata.
Preferire sempre un fertilizzante apposito per orchidee, di solito a formula bilanciata con azoto, fosforo e potassio in parti uguali. Impiegato nel periodo che va dalla primavera all’inizio dell’estate quando la pianta, al termine della fioritura, cresce con forza.
Il dosaggio consigliato è di utilizzare fertilizzanti al dosaggio di 1.5 ml per litro di acqua, mescolando con cura per favorire l’uniforme solubilizzazione dei principi nutritivi.

A partire dal mese di luglio per stimolare la differenziazione dei tessuti e favorirne la salita a fiore si consiglia di utilizzare un fertilizzante con un basso tenore di azoto ed uno più elevato di fosforo e potassio. Si fertilizza ogni due settimane.

Contents.media
Ultima ora