×

Istruttore di deltaplano morto, il racconto dell’allieva sopravvissuta: “È stato terribile”

È ancora sotto shock la donna sopravvissuta all'incidente in deltaplano nel quale è morto l'istruttore Federico Baratto, precipitato da 850 metri di quota.

istruttore deltaplano morto

È ancora provata dall’incidente Eva, la 28enne triestina che nella giornata di domenica 9 maggio ha rischiato di perdere la vita nell’incidente in deltaplano in cui è invece morto il suo istruttore 51enne Federico Baratto. La giovane si trova in questo momento ricoverata in ospedale in stato di shock, anche se ancora non sa darsi una spiagazione per quanto sia accaduto.

Per il suo primo volo in deltaplano gli era stato infatti affidato un istruttore esperto, abilitato ai voli biposto da 22 anni, e nessuno mai avrebbe potuto immaginare che quella che doveva essere una domenica spensierata si sarebbe trasformata in tragedia.

Istruttore di deltaplano morto, il racconto dell’allieva

Raggiunta dai giornalisti, la ragazza non ha saputo raccontare molto di quanto accaduto, limitandosi a dire: “Non ho capito cosa sia successo, ho visto solo il deltaplano che si alzava all’improvviso e mi sono ritrovata sull’albero.

È stato tutto molto brutto”. Stando alle ricostruzioni effetuate, pochi secondi dopo la partenza Eva ha visto il suo istruttore precipitare nel vuoto da 850 metri di altitudine, rimanendo così da sola sul deltaplano che ha iniziato a volteggiare senza controllo in balia delle correnti d’aria.

Istruttore di deltaplano morto, allieva salva per miracolo

Fortunatamente, dopo aver girato più volte su se stesso il deltaplano è rimasto incastrato in un albero situato proprio sul precipizio.

Successivamente la ragazza è stata recuperata dagli uomini dell’elisoccorso e trasportata in ospedale, riportando soltanto una slogatura alla caviglia.

“Federico mi aveva agganciato e pensavo che anche lui lo fosse. Stava sotto di me, ho sentito che prendeva la corsa ma non ho capito cosa sia successo, ha poi affermato la ragazza in merito alla dinamica dell’incidente, che nonostante le indagini in corso appare tutt’ora poco chiara.

Istruttore di deltaplano morto, i dubbi dei colleghi

Sono infatti ancora in molti a chiedersi come sia potuto accadere che un istruttore con così tanti anni di esperienza alle spalle possa avere perso la vita in questo modo.

A dare una possibile spiegazione è il collega e amico di Baratto, Daniele Matteuzzi, che punta il dito contro la telecamera a bordo del deltaplano: “Ce lo stiamo chiedendo tutti, anche perché siamo molto fiscali su verifiche e controlli prima del decollo. Federico peraltro era una persona scrupolosa. La sola risposta che riesco a darmi è che sia successo qualcosa di anomalo e l’anomalia che vedo è una soltanto: la telecamera. Mi spiego: lui avrà assicurato la passeggera e se stesso, poi si è accorto che la telecamera era spenta, si è sganciato per riaccenderla e si è dimenticato di rimettere il gancio.

Contents.media
Ultima ora