×

Le Iene, conduttore ricoverato in ospedale: paura tra i colleghi di Nadia Toffa

Condividi su Facebook

"Piccolo pit stop, ma tranquilli, non morirò", ha scritto il conduttore de Le Iene ricoverato in ospedale.

Le Iene conduttore ricoverato
Le Iene conduttore ricoverato

Paura nella redazione de Le Iene per uno dei volti più noti del programma. Dopo Nadia Toffa, anche un altro conduttore è stato ricoverato. A finire in ospedale è stato Matteo Viviani, che ha avuto bisogno dell’intervento dei medici a causa di una febbre molto alta. La notizia è stata diffusa proprio da Viviani, che ha pubblicato sul proprio profilo Instagram una foto che lo ritrae in una stanza di ospedale, a petto nudo e circondato da strumentazione medica. “Piccolo pit stop tecnico ragazzi, non preoccupatevi, non morirò. Poi vi spiego giuro!”, ha scritto la Iena.

Matteo Viviani in ospedale

Le Iene, conduttore ricoverato

Ma a fornire le prime spiegazioni su quanto accaduto al conduttore ricoverato è stato un altro volto noto de Le Iene. In una clip diffusa, ancora una volta, su Instagram, Nadia Toffa ha spiegato che la febbre ha colpito Viviani durante una raccolta fondi a favore dell’associazione Mater. La onlus si occupa di fornire un aiuto ai minori vittime di violenze sessuali, pedofilia e pedopornografia. La raccolta fondi lo ha portato fino alla fredda Islanda, dove ha soggiornato non in comodi alberghi ma in una tenda. Proprio il freddo gli avrebbe giocato un brutto scherzo, facendogli alzare improvvisamente la temperatura. La Iena ha cercato di risolvere il problema con un antidolorifico, ma la situazione non è migliorata. La visita in ospedale ha svelato la causa: si tratta di un virus gastrointestinale.

Nadia Toffa nel mirino degli hater

I fan sono preoccupati anche per le condizioni di Nadia Toffa, che nei primi giorni di luglio a dichiarato di dover combattere contro il caldo e l’afa (con l’aiuto dell’inseparabile Totò).

Ma non si sono fatti attendere i commenti degli hater: “Ma sei ancora in vita con sto caldo? Che due co****ni per pubblicità di un tumore. Anche mia cugina a febbraio è deceduta per un cancro, ma non l’ha fatto penare a nessuno”.


Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Pietro

Salve vi o mandato un po’ di segnalazioni nn mi avete risposto.grazie


Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche