×

Fedez pedinato, la chiamata alla polizia: “Mi stanno seguendo”

Condividi su Facebook

Il rapper si è reso conto di essere pedinato, così ha avvisato il suo bodyguard e ha chiamato la polizia.

Fedez
Fedez

Momenti di paura per Fedez. Il rapper stava tornando a casa come sempre, quando si è reso conto di essere pedinato. L’episodio è avvenuto giovedì 26 novembre, intorno alle 22.30. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, Fedez si sarebbe reso conto che un Suv lo stava seguendo da un po’.

Fedez è stato pedinato

Non è stata una serata tranquilla quella di Fedez. Rendersi conto di essere pedinati sicuramente farebbe preoccupare chiunque, in modo particolare una persona esposta come lui. Il bodyguard, che era insieme a lui, ha subito chiamato le forze dell’ordine. Immediatamente è intervenuta una pattuglia della polizia per un controllo. Gli agenti hanno scoperto che la persona che stava seguendo Fedez era un investigatore privato, che ha respinto ogni accusa.

Il pedinamento sarebbe durato circa 15 minuti, mentre il rapper tornava nella sua casa di Citylife. La chiamata alla polizia è arrivata da un uomo di 39 anni calabrese, che si è presentato come “addetto alla sicurezza” di Federico Leonardo Lucia, che sarebbe il vero nome di Fedez.

Gli agenti a bordo della volante sono riusciti ad intercettare le due auto, ovvero la Lamborghini di Fedez e il Suv Bmw che lo stava pedinando.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera ci sarebbe stato un confronto tra i due. Fedez gli ha chiesto chi era e perché lo stava seguendo, poi deve avergli tirato uno schiaffo attraverso il finestrino. Gli agenti sono dovuti intervenire per riportare la calma. L’uomo sul Suv si è difeso dicendo di non aver mai pedinato Fedez ma di essere su quella strada per tornare a casa, visto che abita in zona. Il ragazzo è un investigatore privato, armato con regolare licenza e lavora per l’agenzia del padre a Milano. Lui e Fedez non si conoscevano, ma il rapper aveva già sentito parlare del padre. Per il momento nessuno dei due ha sporto denuncia ma, come ha spiegato il Corriere, in Questura hanno avviato le indagini per approfondire le troppe coincidenze di questa storia.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media