×

Melancholia: trama e recensione del film su Netflix

Recensione del film Melancholia, disponibile in streaming su Netflix, diretto da Lars von Trier, con Kirsten Dunst protagonista

melancholia 768x512

Melancholia è disponibile in streaming su Netflix.

Il film, scritto e diretto dal famoso autore danese Lars von Trier (La casa di Jack) è stato presentato al Festival di Cannes 2011. Kermesse dalla quale il regista venne espulso dopo le sue dichiarazioni su Hitler.

Ma che per fortuna non impedì a Kirsten Dunst (Upside Down) di vincere il meritatissimo premio di migliore interpretazione femminile.

Melancholia ha ottenuto consensi di critica e una più che discreta risposta del pubblico alla sua uscita in sala e in Home Video.

Il cast di Melancholia

Oltre alla superlativa Kirsten Dunst nel ruolo della triste sposa Justine, protagonista del film, troviamo la fedele Charlotte Gainsbourg (I fantasmi d’Ismael), nei panni della sorella Claire.

Il ruolo del padre è affidato a Stellan Skarsgård (Nymphomaniac), altro fedelissimo del regista danese.

La gelida madre è interpretata da Charlotte Rampling (Red Sparrow), mentre Alexander Skarsgård (Non succede, ma se succede…) veste i panni dello sfortunato sposo.

Dell’importante cast fanno parte anche: Kiefer Sutherland, Brady Corbet, Jesper Christensen, Udo Kier e John Hurt.

melancholia 3

La trama del film

Il film è diviso in due parti e ruota attorno al rapporto tra due sorelle molto diverse tra loro, mentre la Terra è minacciata da una catastrofe per l’imminente collisione con il pianeta Melancholia.

Nella prima parte, Justine è una sposa apparentemente allegra che raggiunge una lussuosa villa nella quale si sta svolgendo il ricevimento.

Durante la festa tuttavia la ragazza inizia a dare segni di depressione e il matrimonio diventa angosciante con relative conseguenze.

Nella seconda parte, Justine, ormai in forte crisi depressiva, è ospitata a casa di Claire, la sorella, che vive insieme al marito e al figlioletto.

Nel frattempo la Terra viene minacciata dall’enorme pianeta Melancholia, che dopo avere offuscato Antares si dirige a forte velocità verso il nostro pianeta.

melancholia 2

La recensione di Melancholia

Di film al cinema ne sono passati molti in questi ultimi dieci anni… ma solo in pochi hanno saputo lasciare il segno come Melancholia.

Il lavoro di Trier ti entra dentro, ti percuote, ti smuove, e per quanto possa essere un manifesto nichilista, espressione coerente dello stesso creatore d’immagini danese, riesce a esercitare un fascino irresistibile.

Parliamo di un’opera calda che si avvale del freddo. Puro ossimoro cinematografico, a tutti i livelli.

La sposa è depressa nel giorno più bello della sua vita. Lo spettatore è estasiato di fronte al disfacimento di ogni cosa.

Grazie Kirsten, attrice incantevole. E grazie Lars, anche stavolta hai avuto ragione tu.

Contents.media
Ultima ora