×

Mattarella, il monito del Presidente della Repubblica al Governo e al Parlamento

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso un monito rivolto a Governo e Parlamento in merito ai decreti emanati durante la pandemia.

Monito

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ufficializzato la conversione in legge del decreto Sostegni bis. In questa circostanza, tuttavia, la più alta carica dello Stato italiano ha sfruttato l’occasione per inviare ai politici un importante avvertimento.

Mattarella, il monito del Presidente della Repubblica: il decreto Sostegni bis

Nel pomeriggio di venerdì 23 luglio, il Presidente della Repubblica ha annunciato la legge di conversione del decreto Sostegni bis, asserendo: “Ho provveduto – scrive il Capo dello Stato – alla promulgazione in considerazione dell’imminente scadenza del termine per la conversione e del conseguente alto rischio, in caso di rinvio, di pregiudicare o, quantomeno, ritardare l’erogazione di sostegni essenziali per milioni di famiglie e di imprese”.

Al contempo, Mattarella ha voluto anche rendere pubblica una lettera indirizzata ai presidenti del Senato e della Camera, Maria Elisabetta Alberti Caellati e Roberto Fico, e al premier Mario Draghi.

In questo contesto, il monito del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è stato volto a sottolineare l’uso improprio delle leggi di conversione dei decreti e delle decretazioni d’urgenza che ha caratterizzato l’esecutivo italiano durante i mesi vissuti all’insegna della pandemia.

Mattarella, il monito del Presidente della Repubblica: la lettera ai politici

La missiva scritta dal Presidente della Repubbica riporta il seguente messaggio:

La consapevolezza della straordinarietà e della gravità del momento che il Paese sta attraversando per le conseguenze economiche e sociali dell’emergenza pandemica, tutt’ora in corso, nonché della necessità di attuare speditamente il programma di investimenti e riforme concordato in sede europea non può, peraltro, affievolire il dovere di richiamare al rispetto delle norme della Costituzione. Avverto la responsabilità di sollecitare nuovamente Parlamento e Governo ad assicurare che, nel corso dell’esame parlamentare, vengano rispettati i limiti di contenuto dei provvedimenti d’urgenza, come già richiesto con analoga lettera dell’11 settembre 2020.

Per quanto riguarda le mie responsabilità, valuterò l’eventuale ricorso alla facoltà prevista dall’articolo 74 della Costituzione nei confronti di leggi di conversione di decreti-legge caratterizzati da gravi anomalie che mi venissero sottoposti. Anche tenendo conto che il rinvio alle Camere di un disegno di legge di conversione porrebbe in termini del tutto peculiari – alla luce della stessa giurisprudenza della Corte costituzionale – il tema dell’esercizio del potere di reiterazione, come evocato in una lettera del 22 febbraio 2011 del Presidente Napolitano.

Mattarella, il monito del Presidente della Repubblica: le parole di Napolitano

In relazione al testo citato da Mattarella e consultabile sul sito del Quirinale, il suo predecessore Giorgio Napolitano – facendo riferimento a un ddl di conversione annesso a un dl Milleproroghe – aveva scritto: “Sono consapevole che una eventuale decisione di avvalermi della facoltà di richiedere una nuova deliberazione alle Camere del disegno di legge in esame ai sensi dell’articolo 74 della Costituzione, per il momento in cui interviene a seguito della pressoché integrale consumazione da parte del Parlamento dei termini tassativamente previsti dall’art.

77 della Costituzione, potrebbe comportare la decadenza delle disposizioni contenute nel decreto-legge da me emanato nonché di quelle successivamente introdotte in sede di conversione”.

Secondo Sergio Mattarella, quindi, il decreto Sostegni bis “contiene 393 commi aggiuntivi, rispetto ai 479 originari. Tra le modifiche introdotte ve ne sono alcune” che “sollevano perplessità in quanto perseguono finalità di sostegno non riconducibili all’esigenza di contrastare l’epidemia e fronteggiare l’emergenza, pur intesa in senso ampio, ovvero appaiono del tutto estranee, per finalità e materia, all’oggetto del provvedimento. Il significativo incremento del ricorso alla decretazione d’urgenza verificatosi durante l’emergenza Covid, anche per fare fronte alle esigenze di attuazione del Pnrr, accentua il rischio di recare pregiudizio alla qualità della legislazione, possono determinare incertezze interpretative, sovrapposizione di interventi, provocando complicazioni per la vita dei cittadini e delle imprese nonché una crescita non ordinata e poco efficiente della spesa pubblica”.

Mattarella, il monito del Presidente della Repubblica: i decreti emanati durante la pandemia

Il Presidente della Repubblica, poi, ha voluto ricordare i dl emanati nel corso della pandemia da coronavirus, sottolineando:

Dal febbraio 2020 al luglio 2021, sono stati adottati dal Governo 65 decreti-legge rispetto ai 31 dei 18 mesi precedenti. Tra l’altro, i provvedimenti d’urgenza hanno comprensibilmente assunto di frequente in questa fase un’estensione eccezionale. La moltiplicazione dei decreti-legge, adottati a distanza estremamente ravvicinata, ha determinato inoltre un consistente fenomeno di sovrapposizione e intreccio di fonti normative: attraverso i decreti-legge si è provveduto all’abrogazione o alla modifica di disposizioni contenute in altri provvedimenti d’urgenza in corso di conversione e, in più occasioni, si è assistito alla confluenza nelle leggi di conversione di altri decreti-legge.

In merito alle caratteristiche che è andata assumendo la decretazione d’urgenza, ha avuto modo di esprimersi più volte in senso critico il Comitato per la legislazione della Camera dei Deputati che, in particolare, ha invitato il Legislatore ad evitare ‘la commistione e la sovrapposizione, nello stesso atto normativo, di oggetti e finalità eterogenei’ e il Governo ‘ad operare per evitare la confluenza tra diversi decreti-legge, limitando tale fenomeno a circostanze di assoluta eccezionalità da motivare adeguatamente nel corso dei lavori parlamentari’.

Mattarella, il monito del Presidente della Repubblica a Governo e Parlamento

Il Presidente della Repubblica, infine, ha concluso la sua lettera rivolgendo un preciso monito al Governo e la Parlamento, asserendo:

Invito a riconsiderare le modalità di esercizio della decretazione d’urgenza, con l’intento di ovviare ai profili critici da tempo ampiamente evidenziati dalla Corte costituzionale, nonché nelle stesse sedi parlamentari, oltre che in dottrina, e che hanno ormai assunto dimensioni e prodotto effetti difficilmente sostenibili. L’esperienza sin qui maturata ha reso ancor più evidente come il rispetto del dettato costituzionale coincida con l’interesse ad un’ordinata ed efficiente regolamentazione dell’emergenza in corso, della ripresa economica e delle riforme: ciò richiede un ricorso più razionale e disciplinato alla decretazione d’urgenza.

Occorre dunque modificare l’attuale tendenza. I decreti-legge devono presentare ab origine un oggetto il più possibile definito e circoscritto per materia. Nei casi in cui l’omogeneità di contenuto è perseguita attraverso l’indicazione di uno scopo, deve evitarsi che la finalità risulti estremamente ampia.

Auspico che queste considerazioni e questi rilievi siano oggetto di approfondimento e di riflessione nell’ambito del Parlamento e del Governo.

Contents.media
Ultima ora