×

Meldola, morto a 68 anni l’ex sindaco Loris Venturi

L’ex sindaco di Meldola, Loris Venturi, è morto all’età di 68 anni: la notizia è stata comunicata dal sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini.

EX SINDACO MELDOLA

L’ex sindaco di Meldola, Loris Venturi, è deceduto all’età di 68 anni: la notizia è stata diramata in via ufficiale dal sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini.

Meldola, morto a 68 anni l’ex sindaco Loris Venturi: l’annuncio

Nel pomeriggio di lunedì 27 settembre, il sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, ha annunciato l’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco di Meldola, Loris Venturini.

Il drammatico evento è stato riferito durante la seduta dell’assise e, dopo aver comunicato quanto avvenuto, il primo cittadino di Forlì ha chiesto al Consiglio comunale cittadino di osservare un minuto di silenzio.

Loris Venturini è morto all’età di 68 anni ed ha ricoperto il ruolo di sindaco di Meldola, comune in provincia di Forlì-Cesena, in Emilia-Romagna, nel periodo compreso tra il 2004 e il 2009. Dopo aver lasciato il municipio, venne poi sostituito proprio da Gian Luca Zattini, incarico che l’attuale sindaco di Forlì svolse per un decennio.

Meldola, morto a 68 anni l’ex sindaco Loris Venturi: il mandato

Le elezioni amministrative che portarono alla vittoria il compianto Loris Venturi si svolsero a Meldola nelle giornate del 12 e del 13 giugno 2004. In questa circostanza, Loris Venturi venne eletto sindaco del comune di Meldola e svolse il suo incarico avvalendosi del supporto di una coalizione di Centrosinistra.

Per cinque anni, l’uomo guidò la realtà comunale meldolese incarnando i valori del centrosinistra.

In occasione delle elezioni amministrative del 2009, poi, come già accennato, il ruolo di sindaco di Meldola venne ereditato da Gian Luca Zattini.

Al momento, non sono state rivelate che cause che hanno provocato l’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco.

Meldola, morto a 68 anni l’ex sindaco Loris Venturi: il volontariato

Nel 2011, il defunto Loris Venturi era stato nominato cittadino onorario della città bosniaca di Donji Vakuf.

L’ex sindaco di Mendola, infatti, era sempre stato particolarmente sensibile nei confronti delle difficoltà affrotate dal Paese e si era ripetutamente adoperato al fine di intrattenere rapporti con le autorità locali e di offrire aiuto umanitario, in collaborazione con i volontari dell’associazione della Croce Verde di Meldola-Predappio.

Nel corso di oltre un ventennio, quindi, l’ex primo cittadino di Meldola ha collaborato con l’Associazione Croce Verde di Meldola Predappio per fornire materiale utile per ospedali, scuole e centri socioriabilitativi e per inviare adeguate cure mediche ai bambini.

Contents.media
Ultima ora