×

Onu, il Covid ha causato un crollo del turismo di oltre 4000 miliardi di dollari

Le stime dell'Onu attestano che il turismo internazionale a causa della pandemia potrebbe portare a una perdita di oltre 4mila miliardi tra 2020-2021.

Onu turismo

Con lo scoppio della pandemia da Covid-19 il mondo si è fermato. La frenesia di tutti i giorni è stata assopita e la monotonia è diventata una costante in giornate che apparivano l’una uguale all’altra. L’animo avventuriero e curioso di molti è stato messo a tacere, in attesa di ritornare a viaggiare e scoprire il mondo.

Dopo le denunce di Assoturismo, l’Onu segnala un ingente crollo del turismo generato dall’emergenza coronavirus. Il turismo internazionale, infatti, potrebbe perdere oltre 4mila miliardi negli anni 2020 e 2021.

Onu, perdita ingente per il turismo internazionale a causa del Covid-19

Un rapporto congiunto dell’Organizzazione mondiale del turismo (Unwto) delle Nazioni Unite e della Conferenza sul commercio e lo sviluppo (Unctdad) attesta una consistente perdita nel settore del turismo.

Il prolungato lockdown, i numerosi divieti e le molte limitazioni a lungo hanno costretto i cittadini di tutto il mondo a restare chiusi in casa, rinunciando a qualsiasi viaggio.

Mentre in molti stanno organizzando le proprie vacanze estive, riassaporando finalmente un clima di normalità e spensieratezza, il turismo ha ancora bisogno di ripartire. Lo ha evidenziato anche Zurab Pololikashvili, il segretario generale dell’Unwto.

Pololikashvili, infatti, ha dichiarato: “Il turismo è un’ancora di salvezza per milioni di persone”. Quindi ha sottolineato: Promuovere la vaccinazione per proteggere le comunità e sostenere la ripartenza in sicurezza del turismo è fondamentale per recuperare posti di lavoro.

Onu, perdita per il turismo internazionale a causa della pandemia: voli cancellati e viaggi annullati

La pandemia ha fermato i viaggi aerei internazionali per gran parte del 2020, comportando una rilevante perdita economica pari a 2.400 miliardi di dollari nel turismo e nei settori correlati.

Il rapporto dell’Onu, inoltre, delinea una stima analoga prevista per il 2021. I danni complessivi potrebbero quindi superare i 4.000 miliardi di dollari. L’Unwto prevede che il turismo internazionale non riuscirà a raggiungere i livelli antecedenti alla pandemia prima del 2023.

Onu segnala crollo del turismo: l’Italia prova a ripartire

A fine giugno 2020 le prenotazioni degli italiani per l’estate erano pari al 44,7%, che salgono al 54,7% esattamente un anno dopo. Anche gli stranieri iniziano a ripopolare le nostre città, nelle isole e sulle spiagge. Il Green Pass e i voli Covid tested, le vaccinazioni e l’allentamento delle misure hanno facilitato l’ingresso nel nostro Paese, almeno per i cittadini europei.

Le strade, i canali e gli alberghi del centro storico di Venezia tornano a riempirsi. Tra Salento e Gargano, invece, ci si prepara a un agosto sold out. Assalto anche in Sicilia, in particolare nelle sue isole Covid free: negli aeroporti di Palermo e Catania sono attesi tra giugno e settembre quasi 6 milioni di passeggeri, il doppio rispetto a quelli registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. I turisti, inoltre, tornano a fare le code anche davanti ai musei di Firenze.

Contents.media
Ultima ora