×

Piero Chiambretti di nuovo positivo al Covid a due anni dal primo ricovero

Un falso negativo e poi un tampone serale per scrupolo che ha rilevato il virus: Piero Chiambretti di nuovo positivo al Covid dopo un primo ricovero

Piero Chiambretti

Piero Chiambretti è di nuovo positivo al covid a due anni dal primo ricovero per il quale era finito in terapia intensiva e dopo aver perso l’amata madre, la signora Felicita, a causa proprio del coronavirus. Il popolare conduttore televisivo lo ha annunciato su Instagram con un post ironico che denota come la sua nuova positività sia legata a circostanze di affezione più leggere: “Regalo di Natale… sono positivo, ma sto bene”. 

Chiambretti di nuovo positivo, il “regalo di Natale” annunciato dal conduttore su Instagram

A traino della positività bis di Chiambretti è arrivata la notizia che per la giornata di domani, lunedì 10 gennaio, Tiki Taka andrà comunque in onda su Italia1 come di consueto, ma con una novità: “Pierino” condurrà in  “smart working” e guiderà la trasmissione dalla sua abitazione. In alcune dichiarazioni al Corriere della Sera Chiambretti ha spiegato che ad illuderlo sarebbe stato un falso negativo

Come ha fatto Chiambretti a scoprire di essere di nuovo positivo subito dopo la booster: con un tampone bis

Tuttavia i sintomi che accusava lo hanno spinto a bissare il tampone ed a farne uno più specifico, probabilmente molecolare, ed è emersa la positività. Piero accusava “mal di gola insistente e forte emicrania. Quindi, nonostante un primo tampone negativo al mattino, ho voluto farne un altro la sera, diverso, che intercettasse questa variante, ed ero positivo”. E in aggiunta saggia: “Mi sono bruciato con l’acqua calda e ora mi fa paura anche la fredda”.

E ancora: “Tuttavia grazie a quello che ci siamo iniettati, la vivo come una forte influenza. Penso però sia inevitabile per chi ha passato quello che ho passato io temere sempre il peggio. Tutto è successo a pochi giorni dalla terza dose”. 

Malgrado sia di nuovo positivo Piero Chiambretti precisa: “Rimango un convinto si vax”

Poi, in chiosa amara: “Ma rimango un convinto si vax: come hanno spiegato quelli bravi e anche quelli meno bravi, il vaccino ti permettere di resistere a un attacco virale così forte che ti manda in ospedale.

Mia madre sarebbe andata a piedi scalzi a farsi vaccinare e tutto sarebbe stato diverso”. E sulle posizioni no vax Chiambretti aveva già espresso il suo parere, parere netto di chi ha avuto il dolore in casa e nel cuore: “Sentire dire che non esiste mi disgusta. Io ho vissuto un dramma personale e ho visto con i miei occhi che cosa è il Covid in ospedale, ho visto morire una persona a me esageratamente cara come mamma in quattro, cinque giorni”.

Contents.media
Ultima ora