Fabrizio Corona contro Salvini: "Il carcere è rieducazione" | Notizie.it
Fabrizio Corona contro Salvini: “Il carcere è rieducazione”
Politica

Fabrizio Corona contro Salvini: “Il carcere è rieducazione”

corona

Fabrizio Corona critica il tweet di Salvini in cui si schiera contro il decreto svuotacarceri pronunciando il desiderio di aprirne di nuovi.

Dopo il Tweet del Ministro dell’Interno del Governo Conte, Matteo Salvini, in cui esprimeva il desiderio di costruire ed inaugurare nuovi carceri piuttosto che attuare il decreto svuotacarceri del 9 novembre 2018. L’idea, infatti, è quella di proporre un nuovo decreto: il Decreto Salvini.

Carceri piene? Non si fa uscire nessuno, no svuotacarceri, no indulti!
Ne costruiremo di nuove con i soldi risparmiati dalla riduzione degli sbarchi. #DecretoSalvini https://t.co/nqBxl7LuKI #MatteoSalvini

— Matteo Salvini (@matteosalviniit) 9 novembre 2018

Il segretario federale della Lega Nord non vuole fare sconti: nessun indulto o perdono. Il problema delle carceri piene sarà risolto grazie ai soldi risparmiati con la riduzione degli sbarchi e il rimpatrio dei clandestini.

In risposta al Tweet di Matteo Salvini interviene Fabrizio Corona che cerca di difendere i diritti dei carcerati. Il famoso personaggio televisivo si è fatto sentire con un post su Instagram, nel quale sostiene il Decreto svuotacarceri sostenendo la tesi secondo la quale è necessario perdonare coloro che hanno commesso reati e che chiunque, prima o poi, sbaglierà.

Corona, inoltre, cita l’Articolo 27 della costituzione: “il carcere è l’estrema ratio. Il carcere è rieducazione non tortura e poi che senso avrebbe l’esecuzione penale???”.

salvini contro corona
Sui Social il post di Fabrizio Corona è già virale e sta facendo il giro del web. Ora la palla è passata a Matteo Salvini che, sicuramente, non ci farà mancare la sua risposta e il suo pensiero.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Fabio Rossi
Fabio Rossi 104 Articoli
Fabio Rossi, varesotto classe 95. Cresciuto con un pallone sottobraccio, un grande amore per lo sport a cui affianca una passione per cinema e musica.