Salvini: "TAV si farà se prevarrà il buonsenso" | Notizie.it
Salvini: “Di Maio non vuole il TAV? Si farà se prevarrà il buonsenso”
Politica

Salvini: “Di Maio non vuole il TAV? Si farà se prevarrà il buonsenso”

Matteo Salvini

Matteo Salvini è pronto a sbloccare tutti i cantieri. "Non solo il TAV Torino-Lione ma anche alta velocità al Sud e metano in Sardegna", annuncia.

Matteo Salvini non si arrende. Non solo il vicepremier punta al TAV Torino-Lione ma assicura che l’obiettivo di questo governo è portare anche “l’alta velocità tra Brescia e Vicenza e al sud per arrivare fino a Bari” così come “il metano in Sardegna e ferrovie nuove in Sicilia”. Il leader della Lega non teme il no del MoVimento 5 Stelle perché “se prevarrà il buonsenso si farà assolutamente”.

Salvini: “deve prevalere il buonsenso”

“Da persone serie la soluzione l’abbiamo sempre trovata” assicura Matteo Salvini, ospite a Domenica Live. Intervistato da Barbara D’Urso, il vicepremier leghista torna ad affrontare il nodo TAV Torino-Lione, grande opera osteggiata dal MoVimento 5 Stelle.

“Luigi Di Maio non la vuole, rispettabile come opinione. Io e migliaia di italiani la vogliamo. L’Italia ha bisogno di lavorare e di progresso” chiarisce quindi il ministro dell’Interno. Salvini sottolinea quindi che “se prevarrà il buonsenso” il TAV ” si farà assolutamente”.

“Io dico sì al Tav non per pregiudizio, ma perché in Italia bisogna sbloccare tutti i cantieri fermi.

Il treno viaggia più veloce, costa di meno e inquina di meno rispetto alle macchine e i tir. – puntualizza quindi il leader della Lega – Farò tutto il possibile perché in Italia si aprano cantieri ovunque per sistemare scuole, ospedali, autostrade, ponti e ferrovie: c’è bisogno di viaggiare”.

Sbloccare tutti i cantieri

Non solo. Matteo Salvini rilancia ed annuncia. “Vogliamo anche l’alta velocità tra Brescia e Vicenza, al sud per arrivare fino a Bari, il metano in Sardegna, ferrovie nuove in Sicilia”.

“In questi nove mesi ogni tanto con il MoVimento 5 Stelle abbiamo discusso, ma da persone serie la soluzione l’abbiamo sempre trovata“. Il vicepremier spiega che “giustamente sia Conte che Di Maio hanno richiesto di rivedere il progetto” ma perché, lascia intendere, sarebbe magari per chiedere più soldi a Unione europea e alla Francia.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche