×

Di Battista: “Allontanare Renzi dalla politica è un dovere morale”

Condividi su Facebook

Di Battista: "Dovere morale allontanare Renzi", il secco no dell'ex parlamentare del M5s.

Di Battista allontanare Renzi dovere morale

Resta molto complicata la situazione della maggioranza di governo, con Conte sempre più in difficoltà nel riuscire a trovare i cosiddetti responsabili in Parlamento e quegli ammiccamenti di Renzi che sarebbe disponibile ad un nuovo dialogo. È fortemente contrario a tutto questo Alessandro Di Battista, uno dei leader del primissimo modo di intendere il MoVimento 5 Stelle, decisamente lontano dall’aspetto filo governativo che per forza di cose ha assunto negli ultimi anni.

Per Di Battista allontanare Renzi dalla politica è un “dovere morale“.

Di Battista: “Allontanare Renzi? Dovere morale”

Di Battista parla attraverso un suo editoriale su Tpi, nel quale torna sull’aspetto più caro al MoVimento della prima ora, ovvero il conflitto d’interesse tra politica e imprenditori, tra il palazzo e i cantieri. “Ho sempre ritenuto che la mancata revoca di Autostrade durante il Conte I fosse imputabile alla pavidità di Salvini” scrive Di Battista che poi aggiunge: “Al contrario ritenevo che il Conte II avrebbe trovato le stesse identiche difficoltà per la contiguità di taluni esponenti del Pd con determinati gruppi industriali italiani.

E mi riferivo, soprattutto, alla compagine renziana, trombettieri del peggior establishment del Paese”

Un messaggio chiaro e limpido che trova la sua sintesi in questa frase: “Oggi che allontanare definitivamente il renzismo dalla scena politica italiana non è affatto impossibile, credo sia un dovere morale andare fino in fondo”. La posizione dell’attivista ed ex parlamentare grillino è dunque molto chiara, ma senza Renzi e con i danni giudiziari dell’Udc, il presidente Conte rischia di cadere già mercoledì quando si tratterà di votare la riforma della Giustizia di Alfonso Bonafede.

La maggioranza relativa al Senato già scricchiola e il no dei renziani sul tema è già agli atti. Mancano i numeri.

Da Di Battista a Conte

La situazione di Conte è dunque più in bilico oggi rispetto che una settimana fa. Lo stesso presidente del Consiglio sembra averne contezza, e indiscrezioni vorrebbero che sarebbe pronto ad accettare anche l’ipotesi di andare al voto. Anche gli alleati del Pd sembrano stufi di questa continua caccia ai costruttori e avevano dato una settimana di tempo per poter provare a sorreggere la maggioranza. Dai 5 Stelle, poi, la chiusura verso Renzi e l’Udc è netta. I numeri non ci sono, e la maggioranza potrebbe non farcela.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora