×

Governo Draghi, cosa dicono gli ultimi sondaggi politici

I sondaggi politici rilevati alla vigilia del voto di fiducia in Senato per il governo Draghi rilevano cali per Lega, Pd e M5S.

sondaggi politici governo draghi
sondaggi politici governo draghi

Alla vigilia del voto di fiducia al Senato per il nuovo governo Draghi, i sondaggi politici rivelano un quadro particolare. La coalizione di Centrodestra perde punti, così come Pd e M5S. Sale Forza Italia di Silvio Berlusconi di mezzo punto.

Italia Viva di Renzi rimane ferma al 3,1%, mentre Azione registra un +0,3%.

Governo Draghi: i sondaggi politici

Mercoledì 17 febbraio 2021 al Senato si voterà per la fiducia al nuovo Governo Draghi, e proprio alla vigilia i sondaggi politici registrano un quadro particolare e inaspettato.

Secondo il rilevamento di SWG per il Tg La7, se si votasse oggi il Carroccio di Matteo Salvini perderebbe lo 0,5%, passando così da 24 a 23,5%.

Sempre nella coalizione di centrodestra, anche Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni registra un calo dello 0,3% rispetto alla settimana precedente, soffermandosi al 16,2%. Sale di mezzo punto Forza Italia di Berlusconi, attestandosi al 6,9%.

Anche a causa delle diatribe interne, il M5S registra un brusco calo dello 0,4%, scendendo dal 15,8 al 15,4% in 7 giorni. Perde solo lo 0,2% il Pd, passando da 19 a 18,8%.

Nei partiti di minoranza si nota una leggera discrepanza. Italia Viva di Matteo Renzi rimane solida al 3,1% delle preferenze. Sale di uno 0,%5 Sinistra Italiana, raggiungendo la soglia del 4%. Analogo aumento per Azione di Calenda, che si attesta al 4,3%.

Pura formalità?

Se il governo Conte ha sempre vissuto sul filo di lana, per il nuovo esecutivo Draghi ci si aspetta una maggioranza se non assoluta, almeno più che convincente.

Al momento, il nuovo governo sembra poter incassare quota 300 “sì”, e anche se una fronda del M5S e Fratelli d’Italia non dovessero votare a favore del nuovo premier, l’esito finale non dovrebbe creare problemi. Draghi potrebbe addirittura replicare l’exploit ottenuto da Monti nel 2011 con 556 “sì” da Montecitorio e 281 dai senatori.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora