Qual è la leggenda della Candelora
Qual è la leggenda della Candelora
Cultura

Qual è la leggenda della Candelora

giorno della Candelora

La Candelora è il giorno in cui si ricorda la presentazione di Gesù al Tempio, il 2 febbraio. Ecco quali sono le usanze tipiche.

Il giorno della Candelora cade il 2 febbraio e celebra uno dei momenti più noti del calendario liturgico, quello delle presentazione di Gesù al tempio. Come sempre accade, accanto alla ricorrenza religiosa sono nate usanze e proverbi. Non solo in Italia, ma un po’ in tutto il mondo cristiano. La celebrazione, allora, si sposa a feste tradizionali, costumi tipici e ricette del periodo. Conosciamo, dunque, qualcosa in più sulla leggenda della Candelora.

Il giorno della Candelora

Il 2 febbraio, è una data importante nel calendario Cristiano poiché si celebra la Candelora. La festa ricorda l’episodio della Presentazione di Gesù al Tempio, quaranta giorni dopo la sua nascita, e la Purificazione della Vergine Maria. Quando Gesù venne portato al tempio, Simeone, uomo di Chiesa, lo riconobbe ed esclamò “la luce della rivelazione”. È da allora che è diventata tradizione, il 2 febbraio, portare delle candele in chiesa (da qui il nome), perché vengano benedette e purificate.

La loro simbologia le identifica come protettrici dalle negatività. Ecco perché la Candelora è anche chiamata “Festa delle luci“. Sono moltissime le usanze legate proprio all’esaltazione della luce, in questa giornata.

La tradizione celtica

Il primo febbraio rappresenta, nella tradizione celtica, anche l’inizio della primavera. È il risveglio della natura che si manifesta attraverso il latte delle pecore che alimentano una nuova vita. Il latte, definito Imbolc (da Ol-melc letteralmente ewe’s milk, il latte della pecora), è associato alle celebrazioni in onore di Bride (o Brigid), dea della giovinezza e della fertilità. Le leggende della dea Brigid furono strettamente legate a quelle di Santa Brigida che fondò un convento in Irlanda, a Kildare. È per questo che in terra celtica si pensa che il giorno della Candelora cada dopo quello dedicato a Santa Brigida. Fu lei, infatti, a offrire il suo aiuto a Maria. Si narra che Santa Brigida, per distrarre i molti curiosi, indossò un copricapo pieno di candele accese.

Tale comportamento sviò l’attenzione da Maria, intenta a portare Gesù al Tempio gremito. In segno di gratitudine, Maria chiese che fosse venerata il giorno prima della Candelora.

La tradizione americana

Oltreoceano, negli Stati Uniti, il giorno della Candelora perde qualsiasi accezione religiosa. Il due febbraio è legato, infatti, a credenze popolari riguardanti la stagionalità. È il Groudhog Day, il Giorno della Marmotta. È il momento in cui si osserva il comportamento di quell’animale per determinare la durata dell’inverno. La leggenda vuole che se la marmotta non è in grado di vedere la sua ombra perché il cielo è nuvoloso, l’inverno è destinato a concludersi presto. Al contrario, in caso di cielo limpido, la stagione fredda si prolungherà per altre sei settimane. In effetti, proverbi simili legati al giorno della Candelora esistono anche in molte regioni italiane. L’origine, probabilmente, è comune: si tratta di un antico detto scozzese.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche