×

Coronavirus, Oms: “Pandemia sta accelerando, 183mila casi in 24 ore”

Condividi su Facebook

L'Oms frena l'ottimismo: il coronavirus fatica a retrocedere e lo dimostrano i casi del Brasile e del Sud-Est asiatico. Come comportarsi?

Per l'Oms la pandemia di coronavirus sta accelerando

Per l’Oms la pandemia di coronavirus sta ancora accelerando. Lo ha reso noto il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Pandemia di coronavirus, l’Oms: “Sta accelerando”

Queste le parole dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: “Sappiamo che la pandemia è molto più di una crisi sanitaria, è una crisi economica, sociale e, in molti Paesi, politica. I suoi effetti si faranno sentire per decenni” ha detto Ghebreyesus. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 183mila nuovi contagi. È il segnale che il Covid-19 non recede, trascinato dalle Americhe e dal sub-continente asiatico.

In Brasile quasi 51mila morti. Altra criticità negli Stati Uniti: più 15% di malati soprattutto nel centro-sud degli Usa. In India cresce il numero dei positivi e dei decessi: per far fronte all’emergenza sanitaria, sono stati riconvertiti in ospedali 25 alberghi di lusso.

La paura del coronavirus in Europa: il caso Germania

Anche in Europa il coronavirus non recede. In Germania, dopo il focolaio scoppiato nell’impianto di lavorazione della carne Tönnies, l’indice di contagio R0 è schizzato da 1,79 a 2,88.

Dall’Oms fanno discutere le nuove linee guida sulla presunta “inutilità” del secondo tampone per certificare la presenza del virus. Bastano 3 giorni senza sintomi per uscire dalla quarantena.


Saranno, però, i singoli governi a decidere la loro politica sanitaria.

La misura, non vincolante, si rivolge a quei Paesi in grave difficoltà economica. Segno che la strada è ancora lunga sotto vari punti di vista. Per quello sanitario, sono tuttora in corso almeno 136 sperimentazioni per trovare il vaccino in tempi brevi.

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Marco Grieco

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.