×

Cani e gatti possono contrarre il Covid-19: serve un vaccino?

Condividi su Facebook

Si valuta la realizzazione di un vaccino contro il Covid-19 per animali domestici come gatti e cani.

Covid vaccino gatti cani

Nel corso della pandemia di Covid-19 è stato scoperto che anche gli animali possono contrarre il virus, sebbene generalmente non manifestino sintomi gravi come gli esseri umani. Il problema, tuttavia, sta nella loro possibile contagiosità. Gli esperti, al momento, escludono che essa possa essere rilevante.

Non sarebbe dunque attualmente necessario un vaccino ad hoc.

Un vaccino per gli animali

Diversi studi recenti sul Covid-19, uno dei quali pubblicato sulla rivista Lancet, hanno dimostrato che anche gli animali domestici possono contrarre il virus. Sembra che essi possano contagiarsi tra loro oppure essere contagiati proprio dagli umani, ma non è ancora chiaro in che percentuale ciò possa avvenire al contrario. Gli esperti, in questo senso, frenano gli allarmismi.

Cani e gatti non svolgono un ruolo importante nella diffusione o nella trasmissione della malattia agli esseri umani“, ha affermato William Karesh, vicepresidente esecutivo per la salute e le politiche di EcoHealth Alliance, una associazione no profit che si occupa dello studio delle malattie emergenti negli animali. “Non c’è dunque bisogno di un vaccino dal punto di vista della salute pubblica”.

Della stessa opinione è il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), che ha il compito, tra l’altro, di fornire le licenze commerciali per la somministrazione dei vaccini per animali domestici.

I dati non indicano che un tale vaccino avrebbe importanza“, sottolineano i rappresentanti.

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gennaro Caputo
28 Dicembre 2020 12:33

Salve, nel mondo in cui viviamo, chi riesce a prevenire è il signore del giorno il buon senso, io credo amici e non prevenire è meglio che curare, le reazioni possono però essere anche di tipo diverso e la tensione che si accompagna allo stress zono rossa può far si che gli eventi prendono un altro corso: lo stress covid 19 l’impatto sul benessere socio-emotivo in una prospettiva… che ciò che accade nel nel mondo in situazione di paura e ansia. il cammino di routine quotidiana con spazi e tempi distinti tra attività lavorativa e non, azioni ricreative ed esercizio… Leggi il resto »


Contatti:
Chiara Ferrara

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.

Leggi anche

Contents.media