×

Djokovic positivo al Covid, il padre dà la colpa al tennista Dimitrov

Condividi su Facebook

Secondo il padre di Novak Djokovic sarebbe stato il tennista bulgaro Grigor Dimitrov a contagiare il figlio con il Covid durante il torneo Adria Tour.

Continuano le polemiche in merito al torneo benefico Adria Tour, organizzato dal tennista Novak Djokovic per lanciare un messaggio di speranza nei confronti della pandemia di Covid-19 ma che stando alle recenti notizie, non ultima quella che vede positivo al coronavirus lo stesso Djokovic, rischia di diventare un potenziale focolaio epidemico a causa delle inesistenti misure di contenimento presenti.

In un’intervista rilasciata a Rtl Serbia il padre del tennista croato ha infatti accusato lo sportivo bulgaro Grigor Dimitrov di aver contagiato il figlio portando il virus al torneo dalla natia Bulgaria.

Covid, padre Djokovic accusa Dimitrov

Secondo Srdjan Djokovic, sarebbe stato il tennista Dimitrov a contagiare il figlio Novak con il coronavirus, sollevando così il figlio da ogni tipo di responsabilità riguardo la discutibile organizzazione del torneo: “Perché è successo? Perché probabilmente l’uomo è arrivato con un’infezione da chissà dove.

Non è stato testato qui, l’ha fatto in qualche altro posto. Non sappiamo dove l’abbia preso, ma l’ha trasmesso. Ha fatto molto male a Novak, alla Croazia, alla Serbia e alla mia famiglia. Avrebbe dovuto essere testato nel suo paese di origine”.

LEGGI ANCHE: Tennis, dopo Dimitrov anche Coric positivo. Test per Djokovic

Dichiarazioni forti che cercano in qualche modo di distogliere l’attenzione dall’irresponsabilità con cui il torneo benefico è stato organizzato, senza la benché minima misura di contenimento anti coronavirus nonostante negli ultimi giorni proprio in Croazia e in Serbia siano state reintrodotte nuove restrizioni a seguito di un aumento del numero di contagi.

L’Adria Tour aveva infatti destato numerose polemiche a seguito delle immagini in cui si potevano vedere decine di persone ammassate sugli spalti e giocatori darsi baci e abbracci sul campo da gioco.

Lo stesso Adria Tour sembra tuttavia essere stato organizzato nel rispetto delle controverse convinzioni del tennista croato, già noto per le sue posizioni contrarie ai vaccini, che soltanto qualche giorno prima del torno benefico aveva affermato: “Personalmente sono contrario alla vaccinazione e non vorrei essere costretto da qualcuno a prendere un vaccino per poter viaggiare.

[…] Ma se diventa obbligatorio, cosa accadrà? Dovrò prendere una decisione. Ho i miei pensieri sulla questione e se quei pensieri cambieranno ad un certo punto, non lo so”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.