×

Ucraina, le storie di donne e bambini torturati a Irpin

Dall'Ucraina arrivano storie terribili di donne e bambini torturati a Irpin, tra denunce di Kiev e racconti degli abitanti delle città occupate.

Torture

Diverse denunce di Kiev e molti racconti degli abitanti delle città occupate in Ucraina, svelano storie terribili di donne e bambini che sono stati torturati

Ucraina, le storie di donne e bambini torturati a Irpin

Il maggior numero di testimonianze di civili torturati e uccisi dai russi arrivano da Irpin. Lyudmila Demisova, difensore civico ucraino, ha parlato su Telegram di “bambini di meno di 10 anni uccisi con segni di stupro e tortura trovati nella città. Nella regione di Kiev, il ‘campo per bambini di Prolisok’ ha ospitato per tre settimane la base di un’unità dell’esercito razzista. Nel seminterrato sono stati trovati cinque cadaveri di uomini con le mani legate dietro la schiena.

Sono stati torturati e poi uccisi a sangue freddo. Una delle vittime aveva il cranio schiacciato“. Ci sono tantissime storie terribili che arrivano dall’Ucraina, che raccontano torture e uccisioni. 

La donna con la svastica sul corpo e altre storie

La parlamentare Lesia Vasylenko ha condiviso una foto di una donna che è stata marchiata con una svastica. L’immagine ritrae la pancia di un cadavere femminile, sfregiato con questo simbolo.

I grandi sono stati fucilati dai russi. Sono rimasti un bambino e sua sorella, che sono stati violentati a lungo, poi uccisi. I corpi sono stati recuperati, e hanno fatto l’autopsia anche per raccogliere le tracce organiche degli stupratori” ha raccontato una donna, Alina, su Repubblica, parlando dei vicini di casa. Alina ha aggiunto che ad una ragazza è stata disegnata una Z sul ventre. C’è anche la storia di una 15enne.

Dopo essere entrati in casa e aver ferito la madre, morta in due giorni, i russi l’hanno chiusa in una stanza e usata come schiava per dieci giorni. Un soldato avrebbe ripreso gli stupri con il cellulare. Anna Zafesova, su La Stampa, ha raccontato che a Mykolaiv sulle chat locali è tornata a circolare una foto delle bambine trapassate da schegge, scattata dalla giornalista russa Elena Kostiuchenko nell’obitorio cittadino. Rosemary DiCarlo, sottosegretaria generale delle Nazioni Unite, ha riferito anche di “stupri di gruppo e di fronte a bambini” nei confronti delle forze russe e ha dichiarato che l’Onu ha ricevuto “anche denunce di violenze sessuali commesse da membri delle forze ucraine e delle milizie di difesa civili“. La missione dell’Onu per i diritti umani in Ucraina sta indagando. 

L’ospedale di Chernihiv

L’agenzia di stampa Afp ha parlato delle scritte sui muri di un ospedale. Dopo che sono iniziati i bombardamenti, i pazienti minorenni hanno imbrattato i muri. Alcuni hanno scritto i loro nomi dentro la silhouette di un gruppo di palloncini. “Non li ho contati, ma erano parecchi” ha raccontato Natalia, 30 anni, membro delle forze di difesa territoriale dell’Ucraina. “Siamo molto grati che i bambini siano stati portati fuori prima che non ci fosse elettricità, acqua e riscaldamento. Non tutti, ma la maggior parte dei bambini sono stati portati fuori prima che tutti questi benefici della civiltà scomparissero. Hanno avuto la possibilità di sopravvivere” ha dichiarato. L’ospedale pediatrico, colpito, ora viene usato per immagazzinare le forniture di aiuto. I bambini sono stati portati a sud. 

Contents.media
Ultima ora