Università di Cambridge, aperta la misteriosa torre
Università di Cambridge, aperta la misteriosa torre
Viaggi

Università di Cambridge, aperta la misteriosa torre

L'ateneo con la torre

L’Università di Cambridge apre al pubblico la sua torre, mettendo in mostra la sua sterminata collezione di libri storici, finora conosciuta da pochi.

La prestigiosa Università di Cambridge è sovrastata da una torre alta quarantotto metri chiamata Tall Tales, diventata una sorta di simbolo della città britannica. E’ quella della biblioteca dell’ateneo. Interdetta da sempre agli studenti e ai visitatori, si favoleggia che contenga dei libri segreti, tra i quali vi sarebbe addirittura una collezione pornografica vittoriana (mentre l’epoca della sovrana inglese è considerata puritana quasi per antonomasia). Il fascino misterioso della costruzione, che ha ispirato scrittori come Clive Staples Lewis e Stephen Fry, finalmente può essere condiviso col pubblico in una mostra.

I suoi diciassette piani conterrebbero quasi un milione di testi: prime edizioni, pagine introvabili, volumi per l’infanzia, biglietti d’auguri e riviste popolari, la maggioranza dei quali mai aperti. Inoltre giocattoli di età vittoriana.

Mostra chiusa

I dettagli

Si tratta di pagine pubblicate tra il 1710 ai primi anni del Duemila. Praticamente raccontano tre secoli di storia britannica (la torre è in fondo una sorta di museo), ma pochi finora vi hanno avuto accesso: bibliotecari, ricercatori e docenti universitari.

Il 2 maggio 2018 è stata invece aperta una mostra intitolata “Tall Tales: Secrets of the Tower”, che svela appunto i segreti della Tall Tales.

Il termine è fissato per il 28 ottobre.

La mostra

Alcuni libri presenti

La presenza di testi pornografici vittoriani in questo luogo forse è solo leggenda, per cercare di spiegare perché quasi nessuno avesse la possibilità di entrare nella torre. Certamente però vi si trovano vecchie edizioni di “Lo Hobbit”, “Il vecchio e il mare”, “Casino Royale”. “Guerra e Pace”, pop-up del libro per ragazzi “Mr Men” di Roger Hargreaves (1935 – 1988), poster d’epoca sulle suffragette e una particolare edizione di “Winnie the Pooh” datato 1931.

La legge

Perché la torre della biblioteca dell’Università di Cambridge conserva così tanti libri, tra i quali molti antichi? Dipende da una norma sul copyright, grazie alla quale l’ateneo è entrato in possesso di una copia di ogni libro inglese o irlandese.

Eppure fino a oggi la torre è stata usata come magazzino, per contenere libri considerati non interessanti in ambito universitario. Finalmente si sa che al suo interno c’è anche ben altro, che merita di essere letto.

Perdere la mostra dedicata a tutto questo sterminato patrimonio culturale, sembra un vero peccato, per chi ha la possibilità di visitarla. Ci sono ancora parecchi mesi a disposizione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Leggi anche