×

Vaccino Pfizer meno efficace dopo 6 mesi, servirà una terza dose: lo studio

Il vaccino Pfizer diventa meno efficace dopo sei mesi dalla somministrazione, per questo motivo servirà una terza dose. Lo studio della Pfizer.

vaccino Pfizer

Il vaccino Pfizer diventa meno efficace dopo sei mesi dalla somministrazione, per questo motivo servirà una terza dose. Lo studio della Pfizer, che ha arruolato volontari in Europa e nelle Americhe.

Vaccino Pfizer meno efficace, verso la terza dose: lo studio

Il vaccino della Pfizer e della Biontech perde efficacia nel giro di sei mesi. A rivelarlo uno studio della stessa casa farmaceutica americana. L’efficacia scende dal 96% all’84%, secondo i dati pubblicati in preprint, non ancora sottoposti a peer-review. Stat News ha riportato che secondo uno studio di Pfizer, in corso su oltre 44.000 persone, l’efficacia del vaccino nel prevenire qualasiasi infezione da Covid-19, che causa anche sintomi minori, tende ad essere meno efficace dopo sei mesi dalla somministrazione, con una diminuzione del 6% della sua efficacia.

Questi sono i risultati dlelo studio Pfizer.

Terza dose Pfizer: i dati

Il vaccino Moderna risulta efficace al 90% contro il Covid-19 sintomatico e al 95% contro la malattia grave dopo sei mesi, come ha comunicato la società in aprile. Johnson&Johnson non ha ancora rivelato i dati di efficacia a sei mesi, come riferito da Stat News. Il vaccino Pfizer, invece, secondo lo studio che ha arruolato volontari in Europa e nelle Americhe, ha rivelato una diminuzione dell’efficacia a distanza di sei mesi dalla somministrazione.

Questo sicuramente fa pensare alla necessità di effettuare una terza dose, nella speranza che sia più duratura rispetto alla seconda dose. Lo studio, però, non ha valutato se il vaccino è meno efficace anche contro la variante Delta.

Vaccino Pfizer meno efficace: ipotesi la terza dose

Con i risultati di questo studio si torna a parlare della possibilità di fare una terza dose di vaccino. La questione è stata trattata in diverse occasioni.

La possibilità di effettuare una terza dose è sempre più concreta, anche se per il momento non hanno ancora stabilito dopo quanto tempo si dovrà effettuare. Se anche l’efficacia della terza dose si dovesse rivelare minore dopo alcuni mesi, potrebbe esserci la possibilità di effettuare nuove dosi. Il capo della ricerca e sviluppo dell’azienda farmaceutica Pfizer ha dichiarato che si aspetta che la terza dose sia “un po’ più duratura” della seconda dose. Lo studio ha confermato una diminuzione dell’efficacia del 6% in soli sei mesi.

Contents.media
Ultima ora