Aereo Sinai, secondo l’intelligence americana fu attentato

Esteri

Aereo Sinai, secondo l’intelligence americana fu attentato

Fonti dell’intelligence non avrebbero dubbi. A far esplodere l’aereo russo poi caduto nel Sinai, sarebbe stato un ordigno sistemato all’interno di una valigia o all’interno di un semplice bagaglio a mano.

C’è ancora incertezza sulle responsabilità, ma secondo indiscrezioni l’attentato sarebbe stato portato a compimento da una associazione terroristica, e non si esclude l’ipotesi Isis. Le indagini sono ancora aperte e l’intelligence americana non si è ancora voluta sbilanciare, ma a quanto pare la tesi dell’attentato terroristico sembra essere quella più credibile, al momento.

L’attentato sarebbe stato portato a termine grazie alla complicità di un impiegato dell’aeroporto di Sharm el-Sheik e ai controlli troppo superficiali effettuati all’imbarco da parte delle autorità egiziane.
In un ipotetico messaggio indirizzato dall’Isis e rivelato da fonti americane, l’Isis avrebbe risposto di non avere intenzione di rivelare ‘il modo in cui abbiamo abbattuto l’aereo, ma ve lo diremo solo quando e come vorremo noi’.

Voi – prosegue l’Isis nel messaggio – controllate le scatole nere, visionate il relitto e provate a confermare che non è stato abbattuto, se ci riuscite.

Noi l’abbiamo abbattuto, voi morirete di rabbia’. Il messaggio Jihadista ha confermato che l’attentato è stato compiuto proprio il 17 (del mese lunare di Muharram), proprio il giorno in cui l’Isis ha giurato fedeltà al califfato.

L’incidente è avvenuto il 31 ottobre scorso, il relitto dell’aereo venne trovato spezzato in due parti e i passeggeri vennero ritrovati ancora legati nel loro seggiolini con le cinture di sicurezza.

Intanto l’Irlanda ha inviato una direttiva alle compagnie aeree nazionali, affinchè vengano momentaneamente interrotti i collegamenti aerei con Sharm El Sheik, fino a nuovo ordine. Anche la Gran Bretagna ha annunciato di avere sospeso i voli verso le località site nel Mar Rosso, in attesa di effettuare i dovuti accertamenti sulla sicurezza degli scali locali, che nella circostanza dell’attentato si sono dimostrate assolutamente inadeguate alla prevenzione di attentati terroristici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche