Come aiutare tuo figlio a gestire un’intolleranza alimentare COMMENTA  

Come aiutare tuo figlio a gestire un’intolleranza alimentare COMMENTA  

Problemi alimentari con il tuo bambino? Ecco tutti i consigli utili per una mamma che vuole aiutare il proprio bambino

Spesso una mamma si trova di fronte a problemi non indifferenti ed assolutamente non sottovalutabili: il proprio bambino può accusare problemi molto gravi di intestino, diarrea, vomito, nausea, cefalee e tante altre gravi patologie che diventano sempre più permanenti. Uno dei primi elementi che può indurre a sospettare la presenza di un’allergia alimentare è la stretta e positiva correlazione esistente tra l’insorgenza dei sintomi e l’ingestione dell’alimento sospetto. Il bambino comincia a manifestare i primi disturbi e fastidi dopo pochi minuti, o già durante l’assunzione dell’alimento.

Leggi anche: Come aiutare una donna che ha avuto un aborto


I sintomi che fungono da campanelli d’allarme sono il gonfiore delle labbra, della lingua, arrossamento del volto, dermatiti, asma, rinite, arrossamento e lacrimazione copiosa degli occhi, vomito, diarrea, dolori addominali ed intestinali, nausea e cefalea. In altre situazioni meno gravi, ma non sottovalutabili, deve far pensare alla comparsa di un’allergia alimentare la ricorrenza di certe manifestazioni, come l’eczema o dermatite atopica associato a scarsa crescita o dolori addominali. Nel sospetto di un’allergia alimentare è opportuno che venga consultato il pediatra curante o l’allergologo prima di effettuare diete di eliminazione dei cibi con l’obiettivo di scovare la diagnosi ed evitare problemi di malnutrizione del vostro bambino.

Leggi anche: Come adottare un bambino profugo


Molto spesso i bambini accusano dolori e disturbi alimentari quando ingeriscono il latte e tutti i derivati come latticini, formaggi, yoghurt, creme etc., le uova e tutti gli alimenti che lo contengono (albume e tuorlo compreso) ed il grano con tutti i farinacei delle graminacee che comportano l’insorgenza e la presenza della celiachia, patologia autoimmune. Le intolleranze alimentari possono presentarsi fin dai primi anni di vita del vostro bambino e dar luogo a fastidiosi disturbi che si manifestano spesso con dermatiti, disturbi del sonno e mal di pancia; crescendo si può aggiungere anche stanchezza, cefalea, asma, tosse, sinusiti, difficoltà respiratorie, otiti, muco ricorrente, lacrimazione degli occhi, dolori articolari e muscolari, difficoltà di concentrazione e di memorizzazione, ansia, depressione, tachicardia, gastrite, colite, gonfiore addominale ed altri sintomi ancora.


test per la diagnosi di intolleranze sono tanti, ma nessuno è validato scientificamente, dunque è sconsigliabile dare affidabilità agli stessi test reperibili in commercio come il test del capello, il test bioenergetico, test kinesiologico. L’unico vero test a cui deve essere sottoposto il bambino per poter diagnosticare la presenza di intolleranze alimentari è quello concernente il prelievo del sangue che analizza oculatamente la presenza di anticorpi (IgA e IgG) e la reazione dei neutrofili (globuli bianchi) al contatto con i cibi. Anche se un metodo invasivo per il bambino, specie se di pochi anni che non tende il braccino per facilitare il prelievo del sangue, un suggerimento utile è quello di eliminare tutti i cibi che possono dare sintomi di allergia, come i latticini, l’uovo ed il grano e procedere alla valutazione dello stato di salute del piccolo dopo l’eliminazione dal regime dietetico.

L'articolo prosegue subito dopo


Un’intolleranza sempre più diffusa, oltre a quelle sopra citate e più comuni, è quella relativa all’assunzione dello zucchero, sia semplice che complesso: in questi casi, è necessario non eliminare tutti gli zuccheri dal regime dietetico del bambino ma, studiare con un nutrizionista una dieta ad hoc che preveda l’assunzione di proteine e carboidrati in forma alternativa, che preveda il consumo di alimenti che contribuiscono alle normali funzioni vitali del sistema immunitario, come quelli contenenti vitamina A, vitamine B, vitamine C, D e K, ferro, folati, magnesio, rame, selenio e zinco, così come quelli che contengono fibre di frumento, di mais, di riso e di segale che hanno effetto benefico sulla funzione intestinale.

Leggi anche

creatinina
Salute

Creatina assunzione: fa male?

La creatina è una sostanza utilizzata da molti atleti e sportivi per aumentare la massa muscolare a discapito di quella grassa.   La creatina è assunta da tanti atleti e appassionati di fitness, i quali la assumono sotto forma di integratore alimentare. Ma questa sostanza può far male? Si tratta di proteine in polvere, assunte spesso con troppa superficialità sia dagli atleti che dalle persone che desiderano dimagrire, per accelerare la perdita di massa grassa, favorendo quella muscolare. La creatina è un aminoacido che il nostro corpo produce in parte da solo, e in parte ricava dall’alimentazione, soprattutto grazie alle Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*