Bambini italiani: un terzo a rischio povertà, lo dice Save the Children COMMENTA  

Bambini italiani: un terzo a rischio povertà, lo dice Save the Children COMMENTA  

Bambini italiani: un terzo a rischio povertà, lo dice Save the Children
Bambini italiani: un terzo a rischio povertà, lo dice Save the Children

Sempre i dati forniti dall’organizzazione, un bambino su tre rischia la povertà a causa del freddo, in quanto molti genitori non riescono a sostentarlo.


Secondo i dati stilati da Save the children, un bambino su tre in Italia è sempre più povero. I dati forniti sono allarmanti con bambini che vivono in case poco luminose, con pochi contatti, lasciano la scuola presto e molto altro.


Secondo Save the children, i bambini in Italia sono sempre meno, considerando che nell’anno passato ne sono nati veramente pochi. Circa 480.000 bambini sono nati l’anno scorso registrando un numero molto basso e negativo di minorenni.


La maggior parte di questi bambini che vivono sotto la soglia della povertà soggiornano in ambienti umidi con muffe alle pareti e gocce che scendono creando un ambiente non adatto alla loro sopravvivenza.

L'articolo prosegue subito dopo


Inoltre, questi bambini non possono mangiare cibo ricco di proteine, non hanno dei luoghi di ricreazione, luoghi dove studiare o fare i compiti, luoghi in cui interagire e in cui stare con altri bambini. Molti di loro non possono partecipare alle gite scolastiche e le attività extra-scolastiche non sono adatte a nessuno di loro.

Molti dei giovani di una età tra i 18 e i 24 anni non vanno a scuola, abbandonano la scuola precocemente, al punto che tanti di loro hanno solo la terza media e pochi proseguono, oltre la scuola dell’obbligo.

Quando i bambini sono ammalati, non sempre possono curarsi in quanto non ci sono i mezzi per le cure e i farmaci adatti a loro.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*