Berlusconi sequestrato da Cosentino a palazzo Grazioli. E Alfano sbotta: “O lui o me”

Cronaca

Berlusconi sequestrato da Cosentino a palazzo Grazioli. E Alfano sbotta: “O lui o me”

Nicola Cosentino, deputato Pdl, minaccia Berlusconi e Alfano. Vuole il seggio per non finire in galera. Qualcuno vorrebbe tenerlo fuori ma Cosentino insiste e minaccia. “Lo capite che cosi finisco in galera? Io vi rovino a tutti” queste sarebbero le parole pronunciate da Nicola Cosentino, deputato del Pdl, ieri sera a palazzo Grazioli davanti a Berlusconi e Alfano.

Cosentino è imputato di due processi, in cui c’entra la camorra e il clan dei casalesi, un ordine di fermo dalla procura antimafia, non è in carcere perché la camera votò contro il suo arresto, se fosse un cittadino normale sarebbe agli arresti, invece è a Palazzo Grazioli a rivendicare il suo seggio. Se Cosentino non ottiene la candidatura il giorno dopo le elezioni il 25 febbraio, sarebbe arrestato, Dunque il dilemma, Montecitorio o Poggioreale?

Ma Angelino Alfano tuona, se c’è Nick ‘o mericano il segretario del Pdl non firmerà le liste: “Se c’è Cosentino, io non firmo le liste del Pdl in Campania.

O lui, o me”. La trattativa sembra ormai una guerra, dove l’unica certezza è la scadenza di stasera per depositare le candidature. Cosentino è da stamattina all’attacco a Palazzo Grazioli, davanti a Berlusconi e Alfano, dopo averli presi in ostaggio per tutto il week end: “Berlusconi è sequestrato e sotto ricatto” mormorano le stanza di Palazzo Grazioli: “Il presidente è in riunione” da tre giorni. Il Cavaliere è esausto. “Nick ‘o mericano non molla”. Al momento il suo nome è in lista. Berlusconi sta provando insieme ad Alfano a fargli fare un passo indietro: “Abbiamo rinunciato a Dell’Utri, a Scajola, lo capisci che se sei candidato perdiamo la Campania e non solo?”.

Il problema è che Cosentino a Poggioreale, non vuole andare e minaccia:Se cado io cadete pure voi. Stavolta parlo. E poi vi scordate i miei voti, in Campania vi sfascio”. Ricatta anche di ritirare i “suoi senatori” se dovesse essere escluso dalle liste, che potrebbero così non essere presentate a poche ore dalla scadenza.

A palazzo Grazioli si sta consumando l’ultimo atto del cavaliere, prima della campagna elettorale, sul politico di Casal di Principe, su cui pendono 2 inchieste per camorra e un mandato di arresto, l’uomo dei consensi nelle terre di “gomorra”, su cui pendono due inchieste per camorra, e una richiesta di arresto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Simona Pagliarini 62 Articoli
Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda. (Horacio Verbitsky) Simona, laurea in Psicologia presso l'Università di Roma La Sapienza Giornalista-pubblicista di politica interna, estera e cronaca, scrittrice Amo l'amore, scrivere, il mare, la neve e la vita
Contact: Google+